Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Il caso Crosetto, un conflitto d’interesse dannoso per la democrazia

Con la nomina a ministro della Difesa di Guido Crosetto, uomo da lungo tempo attivo nel mondo dell’industria nazionale delle armi, c’è il rischio che a guidare le scelte su contratti e appalti delle forniture militari siano interessi diversi da quelli del Paese.

Il nuovo governo guidato da Giorgia Meloni è entrato in carica da pochissimi giorni, ma sta già facendo molto discutere per le scelte dei propri ministri. A far sorgere delle domande è in particolare la scelta effettuata per il Dicastero della Difesa, su cui aleggia l’ombra di un potenziale conflitto di interessi. A sedere a Palazzo Baracchini infatti è Guido Crosetto, cofondatore insieme a Meloni di Fratelli d’Italia, più volte deputato e uomo da lungo tempo attivo nel mondo della Difesa e dell’industria nazionale delle armi. Prima di essere nominato ministro, Crosetto ha ricoperto il ruolo di presidente di AIAD, un’associazione legata a Confindustria che cura gli interessi di quasi 200 aziende nel settore della difesa, della sicurezza e dell’aerospazio. Adesso dunque la stessa persona che interloquiva con il governo per portare avanti le istanze dell’industria bellica nazionale si troverà a scegliere quali contratti siglare e a quali aziende appaltare le forniture militari, con il rischio che a guidare queste scelte siano interessi diversi da quelli nazionali. Un’ipotesi che il nuovo ministro ha respinto in più sedi ma che continua ad essere alla base di una serie di inchieste giornalistiche uscite negli ultimi giorni.

Ma non è tutto. L’AIAD si esprime anche sulla scelta dei membri della delegazione italiana nel Nato Industrial Advisory Group (Niag), svolgendo pertanto il ruolo di intermediario tra le aziende nazionali e l’Alleanza a tutto vantaggio delle prime, che da un contratto con la Nato possono guadagnare miliardi di euro. Ufficialmente, a nominare i componenti del Niag è il ministero dello Sviluppo economico, ma la scelta avviene su indicazione del segretario generale dell’AIAD, che funge per l’appunto da garante degli interessi delle compagnie iscritte all’Associazione. Al momento l’incarico di Segretario è svolto da Carlo Festucci, uomo che ha condiviso per anni la gestione dell’AIAD con Crosetto nonché membro del consiglio di amministrazione della Entheos Worldwide srl, che vede tra i soci anche il figlio dello stesso Crosetto. Un dettaglio che fornisce maggiori informazioni sul legame non solo lavorativo, ma anche personale tra il nuovo ministro e il segretario dell’AIAD.

Lobbying e consulenze…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.