Tanti auguri Eva Kant!

Dagli anni Sessanta a oggi, da quando le sorelle Giussani crearono i personaggi fuori dagli schemi di Diabolik ed Eva Kant, il mercato del fumetto è cambiato moltissimo sia in termini di rappresentazione delle donne che di loro partecipazione come autrici e lettrici. Intervista alla fumettista e illustratrice Rita Petruccioli.

Sono passati sessant’anni dall’uscita del primo numero di Diabolik, il fumetto creato dalle sorelle Angela e Luciana Giussani. Cogliamo l’occasione di questo anniversario per una conversazione con la fumettista e illustratrice Rita Petruccioli.

Diabolik compie sessant’anni. I due protagonisti (il ladro Diabolik e la compagna Eva Kant) quale impatto hanno avuto sull’immaginario dell’epoca? E secondo te quanto ha giocato nella loro caratterizzazione che a crearlo siano state due donne, le sorelle Angela e Luciana Giussani?

Premesso che non sono una grande esperta del fumetto in questione, credo che sia Diabolik sia Eva Kant siano due personaggi abbastanza fuori dalle righe per l’epoca, soprattutto se pensiamo al panorama fumettistico italiano del tempo, dominato per lo più dal western, da storie di guerra, o supereroi d’importazione con protagonisti maschili, mascherati e non, e coprotagonisti altri personaggi maschili. Penso a Tex e ai suoi compagni d’avventura, come Kit Carson, o a Il grande Blek dove i personaggi femminili scarseggiano proprio. Eva Kant è invece una donna fascinosa e indipendente che anziché rivestire un ruolo subalterno al protagonista – come moglie o fidanzata che compare, scompare o è in pericolo a seconda del bisogno dell’avventura del personaggio maschile – è a tutti gli effetti una complice e una coprotagonista amatissima dal pubblico. Inoltre va sottolineato che sin dagli inizi Diabolik ed Eva Kant hanno una relazione non matrimoniale, non sono sposati, e se oggi ciò ci sembra normale, non lo era 60 anni fa (un elemento che si aggiunse alle molte critiche e richieste di censura per via dell’immoralità della serie). Erano una coppia, e lei una personaggia, assolutamente avanti rispetto ai tempi.

Il fatto che siano state due donne a crearla ha sicuramente giocato un ruolo. Io sono fermamente convinta che lo spessore che le donne danno ai personaggi femminili sia diverso. Non sono dell’idea che i personaggi femminili debbano per forza essere scritti da donne, anzi, ma penso che il fatto che siano state due donne ad aver creato le storie di Diabolik abbia fatto sì che entrambi i personaggi rompessero dei canoni della narrazione fumettistica e della rappresentazione dei generi. Non è un caso, infatti, che per il personaggio di Diabolik Angela Giussani si sia ispirata a un feuilleton francese e non a un eroe del cinema americano. Il risultato è un antieroe con un modello di mascolinità più complesso e una fisicità atletica ma non forzuta. Non c’è quindi da stupirsi se una volta riformulato il modello maschile, Eva, inizialmente ispirata a Grace Kelly, guadagni un campo d’azione più ampio.

Dal primo numero di Diabolik com’è cambiata in termini generali la rapprese…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.