“Ufo 78”, nel gorgo psichedelico della storia

L’ultima fatica letteraria del collettivo Wu Ming è un “oggetto narrativo non identificato”: un’inchiesta giornalistica, un thriller, un romanzo e un’indagine antropologica sull’Italia alla fine degli anni Settanta. Un viaggio visionario in cui ipotesi di complotto, fantasie ultraterrene e inganni si fondono in un unico corpus.

“Dopo i saluti e i rapidi convenevoli, i quattro – lo scrittore, l’antropologa, l’ufofilo e la guardia forestale – risalirono la sterrata con la jeep, superando la sbarra del lavatoio che impediva l’accesso ai veicoli non autorizzati”. Per completare la risma dei protagonisti di Ufo 78, l’ultima fatica letteraria del collettivo Wu Ming, manca all’appello il figlio dello scrittore, Vincenzo, ex eroinomane immerso nelle vicissitudini di Thanur, una comune tra le vallate della Lunigiana, tra misticismo e femminismo.

Siamo nel 1978 e, come scrivono gli autori, questo è l’anno dove si concentrò un numero spropositato di avvistamenti in cielo di “oggetti volanti non identificati”. Gli Ufo, per l’appunto. Ed è l’anno che segnò uno spartiacque politico e sociale nella storia repubblicana. Le Brigate rosse rapirono, tennero prigioniero e giustiziarono Aldo Moro, il presidente della Democrazia cristiana. Dal 16 marzo al 9 maggio: 55 giorni di agonia, in cui la società italiana cambiò, contorcendosi sotto il peso della cappa mediatica che vedeva dappertutto il corpo dinoccolato del leader Dc, impietrita davanti alla fermezza dello Stato a non trattare con il partito armato, spaventata dai posti di blocco messi su dalla polizia nelle grandi metropoli e irrimediabilmente confusa dalle siringhe gocciolanti eroina sul ciglio delle strade.

Il libro pubblicato dalla casa editrice Einaudi per la collana Stile libero è un autentico trip: un viaggio visionario, psichedelico, onirico e profondamente concreto nel gorgo di un Paese che non fece la rivoluzione (ma quasi), come in molti si aspettavano. Ma un Paese che avrebbe perso l’impulso primigenio alla liberazione degli anni ‘60 e ‘70, sfogando nel disimpegno dalla politica e nelle frivolezze del consumismo il proprio attrito di classe (e la grande immaginazione per un altro mondo possibile). E gli italiani, così traumatizzati dall’ennesimo colpo di coda, incominciarono a vedere gli ufo scorrazzare tra le stelle appuntate in una notte che qualcuno definì la più oscura della Repubblica. Il 1978 era l’anno in cui uscì nella sale cinematografiche italiane “Incontri ravvicinati del terzo tipo” di Steven Spielberg, un cult del suo genere: il primo contatto hollywoodiano con gli alieni, in carne e ossa.

In questo coacervo di realtà sovrapposte, le esistenze di Ufo 78 prendono il via. …

A Hebron è in vigore l’oppressione permanente dei palestinesi

Dalle punizioni collettive alle tecniche di sorveglianza e riconoscimento facciale,  passando per le “sterilizzazioni” delle strade dalla presenza palestinese come le chiamano i soldati, ogni “misura temporanea di sicurezza” che istituzioni e coloni israeliani testano su Hebron diventa poi uno strumento d’oppressione permanente imposto sull’intera Cisgiordania. Per usare le parole di Issa Amro, leader della resistenza non violenta nella regione, Hebron è il “laboratorio dell’occupazione”.

“Israelism”, la rivolta dei giovani ebrei negli USA contro l’indottrinamento sionista

Il film di Sam Eilertsen ed Erin Axelman “Israelism”, proiettato recentemente in Italia, racconta il processo di presa di coscienza di una intera generazione di ebrei americani cresciuti fin da bambini in un ambiente di ferreo indottrinamento al culto di Israele e alla propaganda sionista. Finché molti di loro, confrontandosi con la realtà dei palestinesi attraverso viaggi sul posto o nei campus universitari, non capiscono di essere stati spinti ad annullare la loro ebraicità nella fede cieca in un progetto etnonazionalista.

Basta con le Identity politics: non conta se sei oppresso ma se combatti l’oppressione

Nella sinistra postmoderna il discorso sull’oppressione tende a ridursi al punto di vista della vittima. Gli oppressi vengono collocati all’interno di un gruppo indifferenziato la cui unica cifra è l’oppressione stessa. Questo atteggiamento porta ai giudizi ad hominem, poiché non contano tanto le idee ma la posizione in cui si colloca chi le esprime: se non sei un oppresso, non puoi parlare di emancipazione. Se sei un “vecchio uomo bianco”, tenderai sempre e solo a voler mantenere i tuoi privilegi. Le discussioni su chi ha il diritto di parola dovrebbero però lasciare il posto alle discussioni su che cosa ha da dire.