Proust e la terapia della “Recherche”

A cent’anni dalla morte di Marcel Proust, in un’epoca dominata dall’immediatezza e dall’accelerazione, per noi lettori frettolosi è terapeutico immergersi nella lettura dei sette volumi di un capolavoro così impegnativo e raffinato come “Alla ricerca del tempo perduto”, un’opera in grado di esplorare ogni singola e più recondita piega dell’animo umano.

Costi quel che costi

Esattamente 100 anni fa, il 18 novembre del 1922, nel suo appartamento parigino di rue Hamelin moriva Marcel Proust. Aveva rifiutato visite mediche e ospedalizzazione, quando alla sua asma divenuta ormai cronica si era aggiunta anche una bronchite e una congestione polmonare. Le aveva rifiutate perché, per lui, non era più possibile fare altrimenti.

Dopo anni di lavoro, nonostante le condizioni critiche, bisognava assolutamente continuare ad assegnare con determinazione una priorità pressoché assoluta alla più completa esplicitazione delle ragioni di una vita. Portando così a termine un’opera monumentale (i sette volumi della Recherche contano più di 3000 pagine) in cui l’esistenza avrebbe finalmente potuto venire a capo di sé, cercando di comprendere penetrare e rivivere nell’arte della scrittura tutto quel che era possibile ricordare. Salvando così il tempo dal suo oblio. Un ultimo immane sforzo per riannodare quei fili che nel corso del tempo – grazie alla potenza involontaria della memoria, a una sensibilità emozionale acutissima, a una intelligenza auscultatoria del tutto fuori del comune (con il suo occhio poligonale), sorretti da una scrittura superba, educata ai più grandi maestri – sarebbero in fine riusciti ad assegnare un senso e una profondità temporale a ciò che si è stati e a ciò che è stato possibile vivere, al di là della dispersione, della casualità, della discontinuità propri di ogni vissuto. Ma soprattutto: al di là dell’oblio che inesorabilmente divora tutto.

Il mese precedente e parte di quello successivo, incurante dell’aggravarsi della situazione clinica, Proust si dedica a questo compito anima e corpo, inflessibilmente, riuscendo così a portare a termine uno dei più grandi capolavori di tutti i tempi.

Solo ora poter anche morire

Dopodiché, stando alle parole della devota Céleste, governante e segretaria al contempo, anche la morte sarebbe stata libera di concludere il suo lavoro. Una volta posta la parola “fine” sul manoscritto, dopo averla chiamata nella sua stanza, pare le avesse detto: “ora finalmente posso morire”. È quanto accadde, infatti, di lì a poco. Perché solo “ora”? Perché “ora” il tempo aveva rivelato i suoi arcani, la sua “sostanza invisibile”, e quindi poteva anche dirsi concluso, con la pace di chi è riuscito a condurre in porto la sua “ricerca”. Il titolo dell’opera (À la recherche du temps perdu) non poteva essere scelto meglio, se è vero che è sempre e solo come ricerca, paziente e infaticabile, che il lavoro su di sé intravede (non dico realizza) la possibilità di introdurre il sé al tempo della sua sempre incerta verità. La intravede e, come in questo caso, la persegue tenacemente, costi quel che costi.

L’opera di Prost è un…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.