La violenza sulle donne migranti

Le leggi e le prassi che regolamentano il diritto all’immigrazione sono la cartina di tornasole di un sistema in cui permangono registri di dominio d’ostacolo al contrasto della violenza e delle discriminazioni verso le donne di origine straniera.

Il diritto dell’immigrazione, nel regolamentare le procedure d’ingresso delle persone straniere sul territorio ha previsto procedimenti finalizzati alla tutela del diritto all’unità familiare, quale corollario necessario alla circolazione delle persone straniere. La stessa direttiva europea, sul ricongiungimento familiare[1] ne valorizza il ruolo di “strumento necessario per permettere la vita familiare” della popolazione straniera, fondamentale per la costruzione di una stabilità socio culturale alla coesione economica e sociale e all’integrazione.

La disciplina della tutela dei legami familiari, non è tuttavia neutra tanto che il Comitato Cedaw nella raccomandazione n. 21 sull’uguaglianza nel matrimonio e nelle relazioni familiari ha ammonito gli Stati anche in relazione a queste procedure. E lo sguardo sull’esperienza delle donne mette a nudo come le leggi e le prassi connesse a questa forma di soggiorno siano dense di contraddizioni, cartina di tornasole di un sistema in cui permangono registri di dominio che non solo sono d’ostacolo all’adempimento degli obblighi di tutela dalla violenza, i quali gravano sulle istituzioni, ma che divengono essi stessi condizione di discriminazione.

Il contesto

Negli anni, all’interno della popolazione straniera presente sul nostro territorio, le donne hanno rappresentato una componente sempre più significativa, al punto che oggi le cittadine non europee presenti in Italia costituiscono oltre il 51%[2] del totale della popolazione straniera. Sempre più numerose sono coloro che giungono da sole, divenendo le protagoniste di un progetto migratorio più ampio, con la responsabilità sociale e familiare di occuparsi a distanza del mantenimento ordinario delle loro famiglie e in particolare dei loro figli attraverso le loro rimesse.

E tuttavia, ancora nel corso del 2020 su 106.503 nuovi permessi rilasciati, 51.798 hanno riguardato donne e di questi il 68,3 % era per ricongiungimento con familiari già presenti sul territorio (68,3%). Il ricongiungimento, è, pertanto, ancora il canale prevalente di ingresso e soggiorno regolare delle straniere sul territorio italiano. Ne deriva che la condizione femminile delle donne di origine straniera, può essere compresa solo attraverso la contemporanea considerazione dei dati sull’occupazione e della forte dipendenza giuridica ancora esistente rispetto ai componenti della famiglia. L’ambito lavorativo prevalente delle migranti sul territorio, rimane ancora oggi il settore dei servizi alla persona[3] (soprattutto di bambini ed anziani) e alla pulizia (collaboratrici domestiche e assistenti familiari), frutto di un welfare privatistico e sessista che con il rafforzamento della presenza femminile nel mercato del lavoro si è limitato ad affidare ad altre donne il carico …

Giornata della Memoria: immagine dell'archivio federale tedesco, il boicottaggio di un negozio ebreo da parte delle SA naziste.

Giornata della Memoria: Karl Jaspers e la questione della colpa

Nella celebrazione della Giornata della Memoria, data simbolo del nostro calendario civile, c’è chi, come Karl Jaspers, tra tormenti e compiti etici ha fatto della responsabilità collettiva della Germania un argomento di sofferte riflessioni.  

L'estrema destra in America Latina è sempre più violenta, foto delle proteste in Peru

L’estrema destra in America Latina è sempre più violenta

L’assalto brasiliano al palazzo del Congresso è solo l’ultimo atto di un’estrema destra in America Latina che si sta facendo sempre più pericolosa e violenta: dalla situazione di sospensione democratica di fatto in Perù fino al mancato attentato a Cristina Kirchner in Argentina, una parte di estrema destra connessa ai movimenti reazionari mondiali non smette di minacciare la democrazia, la società civile e i diritti umani fondamentali nel nome della solita triade “Dio, Patria, Famiglia”.

Il Ponte sullo Stretto di Messina nella serie Primevideo The Bad guy

Il Ponte sullo Stretto di Messina non è un progetto ma un emblema

Il Ponte sullo Stretto di Messina risponde a esigenze simboliche e politiche. Se l’obiettivo è migliorare la vita degli abitanti della Sicilia e avvicinare l’isola al resto d’Italia, si può scoprire che realizzare l’Alta Velocità tra Palermo, Catania e Messina e organizzare un servizio di traghetto Ro-Ro avrebbe gli stessi benefici ma con costi molto più bassi e impatti ambientali e sociali pressoché nulli.