La violenza sulle donne migranti

Le leggi e le prassi che regolamentano il diritto all’immigrazione sono la cartina di tornasole di un sistema in cui permangono registri di dominio d’ostacolo al contrasto della violenza e delle discriminazioni verso le donne di origine straniera.

Il diritto dell’immigrazione, nel regolamentare le procedure d’ingresso delle persone straniere sul territorio ha previsto procedimenti finalizzati alla tutela del diritto all’unità familiare, quale corollario necessario alla circolazione delle persone straniere. La stessa direttiva europea, sul ricongiungimento familiare[1] ne valorizza il ruolo di “strumento necessario per permettere la vita familiare” della popolazione straniera, fondamentale per la costruzione di una stabilità socio culturale alla coesione economica e sociale e all’integrazione.

La disciplina della tutela dei legami familiari, non è tuttavia neutra tanto che il Comitato Cedaw nella raccomandazione n. 21 sull’uguaglianza nel matrimonio e nelle relazioni familiari ha ammonito gli Stati anche in relazione a queste procedure. E lo sguardo sull’esperienza delle donne mette a nudo come le leggi e le prassi connesse a questa forma di soggiorno siano dense di contraddizioni, cartina di tornasole di un sistema in cui permangono registri di dominio che non solo sono d’ostacolo all’adempimento degli obblighi di tutela dalla violenza, i quali gravano sulle istituzioni, ma che divengono essi stessi condizione di discriminazione.

Il contesto

Negli anni, all’interno della popolazione straniera presente sul nostro territorio, le donne hanno rappresentato una componente sempre più significativa, al punto che oggi le cittadine non europee presenti in Italia costituiscono oltre il 51%[2] del totale della popolazione straniera. Sempre più numerose sono coloro che giungono da sole, divenendo le protagoniste di un progetto migratorio più ampio, con la responsabilità sociale e familiare di occuparsi a distanza del mantenimento ordinario delle loro famiglie e in particolare dei loro figli attraverso le loro rimesse.

E tuttavia, ancora nel corso del 2020 su 106.503 nuovi permessi rilasciati, 51.798 hanno riguardato donne e di questi il 68,3 % era per ricongiungimento con familiari già presenti sul territorio (68,3%). Il ricongiungimento, è, pertanto, ancora il canale prevalente di ingresso e soggiorno regolare delle straniere sul territorio italiano. Ne deriva che la condizione femminile delle donne di origine straniera, può essere compresa solo attraverso la contemporanea considerazione dei dati sull’occupazione e della forte dipendenza giuridica ancora esistente rispetto ai componenti della famiglia. L’ambito lavorativo prevalente delle migranti sul territorio, rimane ancora oggi il settore dei servizi alla persona[3] (soprattutto di bambini ed anziani) e alla pulizia (collaboratrici domestiche e assistenti familiari), frutto di un welfare privatistico e sessista che con il rafforzamento della presenza femminile nel mercato del lavoro si è limitato ad affidare ad altre donne il carico …

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.