Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

La violenza sulle donne migranti

Le leggi e le prassi che regolamentano il diritto all’immigrazione sono la cartina di tornasole di un sistema in cui permangono registri di dominio d’ostacolo al contrasto della violenza e delle discriminazioni verso le donne di origine straniera.

Il diritto dell’immigrazione, nel regolamentare le procedure d’ingresso delle persone straniere sul territorio ha previsto procedimenti finalizzati alla tutela del diritto all’unità familiare, quale corollario necessario alla circolazione delle persone straniere. La stessa direttiva europea, sul ricongiungimento familiare[1] ne valorizza il ruolo di “strumento necessario per permettere la vita familiare” della popolazione straniera, fondamentale per la costruzione di una stabilità socio culturale alla coesione economica e sociale e all’integrazione.

La disciplina della tutela dei legami familiari, non è tuttavia neutra tanto che il Comitato Cedaw nella raccomandazione n. 21 sull’uguaglianza nel matrimonio e nelle relazioni familiari ha ammonito gli Stati anche in relazione a queste procedure. E lo sguardo sull’esperienza delle donne mette a nudo come le leggi e le prassi connesse a questa forma di soggiorno siano dense di contraddizioni, cartina di tornasole di un sistema in cui permangono registri di dominio che non solo sono d’ostacolo all’adempimento degli obblighi di tutela dalla violenza, i quali gravano sulle istituzioni, ma che divengono essi stessi condizione di discriminazione.

Il contesto

Negli anni, all’interno della popolazione straniera presente sul nostro territorio, le donne hanno rappresentato una componente sempre più significativa, al punto che oggi le cittadine non europee presenti in Italia costituiscono oltre il 51%[2] del totale della popolazione straniera. Sempre più numerose sono coloro che giungono da sole, divenendo le protagoniste di un progetto migratorio più ampio, con la responsabilità sociale e familiare di occuparsi a distanza del mantenimento ordinario delle loro famiglie e in particolare dei loro figli attraverso le loro rimesse.

E tuttavia, ancora nel corso del 2020 su 106.503 nuovi permessi rilasciati, 51.798 hanno riguardato donne e di questi il 68,3 % era per ricongiungimento con familiari già presenti sul territorio (68,3%). Il ricongiungimento, è, pertanto, ancora il canale prevalente di ingresso e soggiorno regolare delle straniere sul territorio italiano. Ne deriva che la condizione femminile delle donne di origine straniera, può essere compresa solo attraverso la contemporanea considerazione dei dati sull’occupazione e della forte dipendenza giuridica ancora esistente rispetto ai componenti della famiglia. L’ambito lavorativo prevalente delle migranti sul territorio, rimane ancora oggi il settore dei servizi alla persona[3] (soprattutto di bambini ed anziani) e alla pulizia (collaboratrici domestiche e assistenti familiari), frutto di un welfare privatistico e sessista che con il rafforzamento della presenza femminile nel mercato del lavoro si è limitato ad affidare ad altre donne il carico …

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.