ThyssenKrupp: 15 anni dopo, la strage di lavoratori è una realtà quotidiana

La notte del 6 dicembre 2007 un incendio nello stabilimento torinese delle acciaierie ThyssenKrupp uccise sette operai rivelando la violenta fragilità dell'industria in questo Paese. A distanza di quindici anni, la strage dei lavoratori è una realtà quotidiana.

Quella notte di 15 anni fa nessuno avrebbe mai immaginato un collasso simile. Nessuno avrebbe mai ipotizzato che l’industria italiana del nuovo millennio avrebbe rivelato con tanta violenza la sua fragilità, in quello che fu il cuore produttivo del boom economico del secolo scorso e il motore del movimento operaio nell’acme del suo potere contrattuale e politico.

Fra le tenebre del 6 dicembre 2007 un incendio divampò nella linea 5 dello stabilimento torinese della ThyssenKrupp, la società tedesca specializzata nella lavorazione dell’acciaio. Un colosso siderurgico ramificato in tutto il mondo. Gli operai di turno furono investiti dalle fiamme che avvolsero il capannone. Liquami di produzione, sporcizia negli ingranaggi e un nastro trasportatore difettoso, il cui carrello sfregava con lo scheletro di metallo di una fabbrica al tramonto. Il mix di distruzione causò la rottura di tubi contenenti olio idraulico in pressione. Si diffuse così una nube di fuoco contro cui la disperazione umana non poteva niente. Manichette d’acqua ed estintori tra le urla e il panico delle braccia bruciate.

Gli operai Bruno Santino, Giuseppe Demasi, Angelo Laurino, Rocco Marzo, Rosario Rodinò e Roberto Scola rimasero in fin di vita, i corpi vessati dalle ustioni. All’1.15 giunsero le ambulanze e i vigili del fuoco. I lavoratori agonizzanti furono portati all’ospedale. Antonio Schiavone, invece, morì poco dopo, tra le lamiere carbonizzate dell’azienda che gli aveva dato lavoro. E gli aveva tolto la vita. Fu il primo. “Ho visto l’inferno”, ha detto Giovanni Pignalosa, delegato Fiom, uno degli operai accorsi per dare aiuto ai compagni, colpito dai miasmi del fumo scaturito dall’incendio. “Antonio era avvolto nelle fiamme e gridava: aiutatemi, muoio. Ma era impossibile avvicinarsi”.
Il decesso degli altri lavoratori avvenne prima che il 2007 potesse cedere il passo all’anno nero del capitalismo occidentale contemporaneo. Il più giovane aveva 26 anni e il più anziano 54. Antonio Boccuzzi – sindacalista dei metalmeccanici della Uilm, dal 1995 negli hangar della fabbrica dell’acc…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.