Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Divertimento imperativo fra le rovine della contemporaneità

In questi ultimi due anni sono accaduti davanti ai nostri occhi fatti che stimolano una riflessione nelle menti più avvertite. Un numero allarmante di persone ha preferito sfidare il virus pur di non rinunciare a riunirsi per l’aperitivo o per ballare, in una sorta di culto sfrontato della folla e dello sballo proprio quando ciò rappresentava un pericolo per la stessa vita. Quali sono le ragioni di un simile modo di agire? L’antropologo Raffaele Simone si pone l’interrogativo nel suo ultimo saggio ”Divertimento con rovine”.

Divertimento con rovine (Solferino, Milano, novembre 2022) si inserisce nel tipo di produzione saggistica di Raffaele Simone in cui il linguista, analizzando la modernità, mira a fornire una sorta di quadro sismografico. Basti ricordare titoli come Presi nella rete. La mente ai tempi del web (2012), Come la democrazia fallisce (2015) e L’ospite e il nemico (2018), per fermarci all’ultimo decennio; tutti e tre editi da Garzanti, hanno preceduto due importanti pubblicazioni legate più strettamente agli interessi tecnici di linguistica dell’autore, come Il software del linguaggio (Raffaello Cortina 2020) e La grammatica presa sul serio (Laterza 2022).

A partire da L’ospite e il nemico, dedicato a quella che Simone chiama la Grande Migrazione, l’autore sta elaborando una vera e propria “teoria degli Eventi Fatali”, come suona il titolo del § II.5, di cui mette conto riportare il primo capoverso: ”Per dimensioni e durata, la Grande Migrazione mostrerà il suo vero volto solo quando si sarà calmata. Probabilmente si vedrà allora che non si era trattato di un fatto occasionale ma di un Evento Fatale. Chiamo così, senza alcun intento iperbolico, quegli eventi che col loro svolgersi alterano per sempre l’aspetto, i modi di vita e la sorte di un paese, di un continente o di una parte del globo. La storia ne offre un catalogo sconfinato. Per sottolinearne l’importanza, il loro nome si scrive solitamente con la maiuscola: le Guerre Puniche, la Scoperta dell’America, la Rivoluzione Industriale, la Rivoluzione francese, la Grande Guerra…”.

Si può notare di passaggio che nella sua idea degli Eventi Fatali Simone sembra alludere implicitamente alle Sternstunden der Menschheit, cioè a quei Momenti fatali della storia umana illustrati da Stefan Zweig nell’omonimo e celebre saggio del 1927, la cui Premessa si apre con queste parole: ”Nessun artista può essere costantemente artista, per tutte le ventiquattro ore d’ogni sua giornata; ciò che riesce a creare di essenziale, di duraturo, si produce sempre e soltanto nei pochi, rari momenti di ispirazione. Così anche la Storia, che noi ammiriamo come la più grande poetessa e la migliore attrice di tutti i tempi, non dispone di continuo della propria creatività. (…) Qui pure, come sempre nella vita e nell’arte, i momenti sublimi e indimenticabili sono rari. Per lo più la storia si comporta da cronista, limitandosi a inanellare, tenace e indifferente, le maglie di quella interminabile catena che si dipana lungo i millenni, fatto dopo fatto. I momenti di tensione invece vanno preparati nel t…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.