Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

MicroMega+, il numero del 16 dicembre

Con contributi di Davide Grasso, Marco Beccali, Marco D'Eramo, Elettra De Salvo, Susanne Schüssler, Marco Rizzo, Pierfranco Pellizzetti.

Redazione

I bombardamenti turchi di queste settimane non sono diretti contro tutti i movimenti curdi, ma contro la sinistra curda, che propone un modello di Medio Oriente agli antipodi rispetto a quello animato dal revival islamista propugnato da Erdoğan e dai suoi alleati in Kurdistan e altrove. Davide Grasso ci porta nella Siria del Nord-Est per capire le caratteristiche della democrazia confederalista curda e l’impronta femminile e femminista impressa dalla jineolojî.

Ci è ormai sconosciuta l’immensa, pazzesca presenza del cielo stellato incombente su di noi. Oggi viviamo sotto un cielo destellato, scrive Marco D’Eramo. Risulta persino difficile immaginare quanto la Via Lattea possa essere abbacinante in una notte limpida. Solo di rado ci capita di alzare gli occhi, ma quando anche lo facessimo, vedremmo solo pochissimi pallidi astri. Che cosa comporta questo cambiamento?

Che il futuro di noi tutti sia nelle rinnovabili è scontato, sostiene in questa analisi il prof. Marco Beccali, docente di Fisica Tecnica Ambientale. Ma il processo che ci porterà a costruire tale futuro non può essere una rivoluzione, bensì una transizione: serve tempo per accrescere e consolidare gli avanzamenti tecnologici necessari per dare stabilità e flessibilità al sistema, per riscrivere le regole, con l’auspicio di non creare nuovi monopoli ma liberare iniziative ed energie dal basso. Solo così, il passaggio alle rinnovabili potrà essere una grande occasione per la democrazia.

Klaus Wagenbach, l’editore tedesco che portò in Germania Pasolini e tantissimi altri intellettuali italiani, ci ha lasciati un anno fa. Elettra De Salvo ha intervistato Susanne Schüssler, sua partner in redazione e nella vita, per ricordare la personalità dell’uomo di cultura e la sua grande passione per l’Italia, che lo portò a costruire un solido ponte culturale fra questi due Paesi nel secondo dopoguerra.

Nel centenario della nascita di Stan Lee, Marco Rizzo rende omaggio all’uomo che aveva sempre sognato di scrivere il grande romanzo americano e finì per creare il grande universo globale dei ”supereroi con superproblemi” che da decenni appassiona e ispira milioni di lettori.

A trent’anni dalla morte del celebre giornalista sportivo Gianni Brera, di lui rimane in eredità una certa visione reazionaria del calcio, scrive Pierfranco Pellizzetti. Derivante da una genetica da bar sport, che sconfina in una sorta di razzismo all’incontrario: la presunta inferiorità ereditaria della gente italica, da virare a strategia vincente sul campo di calcio.

Buone letture!

MicroMega+ del 5 luglio 2024

Con contributi di Martino Mazzonis, Claudia Fanti, Rossella Guadagnini, Ingrid Colanicchia, Mattia Gambilonghi, David Tozzo e Silvano Fuso.

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.