Genio e ingratitudine: luci e ombre di Louis Pasteur

Come la gran parte degli scienziati, anche Pasteur è salito “sulle spalle dei giganti”, beneficiando del lavoro di coloro che lo avevano preceduto. A differenza della gran parte degli scienziati, tuttavia, Pasteur fece di tutto per costruire un’immagine di sé nella quale non vi era posto per la gratitudine verso i suoi precursori.
Louis Pasteur

La scienza è, solitamente, un’opera collettiva, frutto del lavoro cumulativo di un gran numero di scienziati e ricercatori che con le proprie scoperte contribuiscono al lento rischiaramento delle zone d’ombra della conoscenza. In alcuni casi, invece, singoli scienziati realizzano grandi progressi, proponendo teorie innovative o rivoluzionando intere discipline. È il caso, tra molti, del più noto scienziato di nazionalità francese, di cui il 27 dicembre 2022 si celebra il duecentesimo compleanno: il microbiologo Louis Pasteur.

Il suo nome e i suoi contributi alla chimica, alla microbiologia e all’infettivologia sono universalmente noti. È stato lo scopritore della chiralità molecolare, dell’esistenza dei batteri anaerobici, e di batteri patogeni di grande rilevanza medica come lo Staphylococcus aureus e lo Streptococcus pneumoniae.

I suoi studi hanno avuto una rilevanza primaria tanto in ambito teorico quanto in campo industriale. Pasteur fu il primo a brevettare un procedimento scientifico per la fermentazione alcolica, fondamentale per la produzione di birra e vino, dopo aver compreso che all’origine di tale processo non vi sono enzimi inanimati, ma i processi vitali di minuscoli esseri viventi, i batteri. Fu anche il primo a mettere a punto metodi all’avanguardia per la preservazione del vino e della birra (il processo di pastorizzazione, che infatti prende il suo nome), poi largamente applicati anche nella produzione industriale di latte.

Le sue ricerche hanno reso possibili grandi avanzamenti anche in ambito medico: basandosi sui propri studi sui microrganismi e forte dell’esperienza di Edward Jenner, il medico scozzese che, attraverso una serie di tentativi ed esperimenti condotti alla fine del XVIII secolo, aveva scoperto il vaccino contro il vaiolo, Pasteur e il suo gruppo di ricerca elaborarono e brevettarono i primi vaccini contro malattie come l’antrace, il colera, la rabbia.

La sua fama, costruita nell’arco di decenni di attività nel campo della ricerca microbiologica, garantì a Pasteur un grande consenso pubblico e un durevole successo scientifico ed economico. In seguito ai successi delle campagne vaccinali, l’opinione pubblica lo elevò al rango di genio, di eroe. I suoi traguardi portarono, infine, alla fondazione dell’Istituto Pasteur, inaugurato a Parigi ne…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.