La storia di Harry Truman ci insegna quanto sia pericolosa la mediocrità

L’arrivo di Truman nell’Ufficio ovale il 12 aprile 1945 fu così commentato da un giornalista del Boston Globe: “È la storia di un uomo medio, catapultato ad altezze vertiginose contro la sua volontà, un po' sconcertato da tutto questo e che in fondo dubita che sia tutto vero”.
Harry Truman

Harry Truman era un uomo onesto, diventato per caso presidente degli Stati Uniti nel 1945 e per i successivi sette anni e nove mesi. Nel gennaio 1953 lasciò la carica estremamente impopolare ma recentemente gli storici lo hanno rivalutato: nel 2022, un sondaggio tra gli esperti del Siena College Research Institute lo ha classificato addirittura al quinto posto tra i migliori presidenti, prima di Dwight Eisenhower, Thomas Jefferson e John Kennedy, una valutazione assurda che rispecchia il clima politico-culturale degli Stati Uniti di oggi. In realtà, il mondo sarebbe stato probabilmente migliore, o quanto meno più pacifico, se Truman non fosse mai diventato presidente.

Truman è morto esattamente 50 anni fa, nel 1972, dopo una lunghissima vita, iniziata nel 1884 a Lamar, nel Missouri, nella dura realtà dell’America rurale. Quando nacque nella fattoria dei genitori non c’erano elettricità né acqua corrente e si cucinava su una stufa a legna. Ovviamente non c’erano automobili, né aeroplani. Quando Truman era bambino, il rumore più forte che sentiva era probabilmente quello di un’ascia che tagliava la legna; quando è morto l’America aveva mandato un uomo sulla luna.

I Truman non erano poveri ma vivevano sempre sull’orlo del baratro: la fattoria valeva 58.000 dollari, secondo la loro dichiarazione dei redditi del 1910, ma era ipotecata fino al collo e, nel 1940, sarebbe stata pignorata dalle banche. C’erano una cinquantina di di mucche e altrettanti maiali, 14 cavalli, 65 polli, e circa 240 ettari coltivati a grano, avena, mais, trifoglio, erba medica e patate. Harry finisce la scuola superiore nel 1901 ma non va all’università e si arrabatta tra una serie di …

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.