La storia di Harry Truman ci insegna quanto sia pericolosa la mediocrità

L’arrivo di Truman nell’Ufficio ovale il 12 aprile 1945 fu così commentato da un giornalista del Boston Globe: “È la storia di un uomo medio, catapultato ad altezze vertiginose contro la sua volontà, un po' sconcertato da tutto questo e che in fondo dubita che sia tutto vero”.
Harry Truman

Harry Truman era un uomo onesto, diventato per caso presidente degli Stati Uniti nel 1945 e per i successivi sette anni e nove mesi. Nel gennaio 1953 lasciò la carica estremamente impopolare ma recentemente gli storici lo hanno rivalutato: nel 2022, un sondaggio tra gli esperti del Siena College Research Institute lo ha classificato addirittura al quinto posto tra i migliori presidenti, prima di Dwight Eisenhower, Thomas Jefferson e John Kennedy, una valutazione assurda che rispecchia il clima politico-culturale degli Stati Uniti di oggi. In realtà, il mondo sarebbe stato probabilmente migliore, o quanto meno più pacifico, se Truman non fosse mai diventato presidente.

Truman è morto esattamente 50 anni fa, nel 1972, dopo una lunghissima vita, iniziata nel 1884 a Lamar, nel Missouri, nella dura realtà dell’America rurale. Quando nacque nella fattoria dei genitori non c’erano elettricità né acqua corrente e si cucinava su una stufa a legna. Ovviamente non c’erano automobili, né aeroplani. Quando Truman era bambino, il rumore più forte che sentiva era probabilmente quello di un’ascia che tagliava la legna; quando è morto l’America aveva mandato un uomo sulla luna.

I Truman non erano poveri ma vivevano sempre sull’orlo del baratro: la fattoria valeva 58.000 dollari, secondo la loro dichiarazione dei redditi del 1910, ma era ipotecata fino al collo e, nel 1940, sarebbe stata pignorata dalle banche. C’erano una cinquantina di di mucche e altrettanti maiali, 14 cavalli, 65 polli, e circa 240 ettari coltivati a grano, avena, mais, trifoglio, erba medica e patate. Harry finisce la scuola superiore nel 1901 ma non va all’università e si arrabatta tra una serie di …

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.