MicroMega+, il numero del 27 gennaio 2023

Con contributi di: Teresa Simeone, Claudia Fanti, Giuseppe Inturri, Francesco Martinico, Fausto Carmelo Nigrelli, Fabio Armao, Marco d’Eramo, Luciano Manicardi.

Redazione

Immagine di copertina di MicroMega+ del 27 gennaio 2023

Nella celebrazione della Giornata della Memoria, data simbolo del nostro calendario civile, Teresa Simeone riflette per noi su ”Karl Jaspers e la questione della colpa”: tra tormenti e doveri etici, il filosofo fece della responsabilità collettiva della Germania un tema di sofferte riflessioni, assumendosi il compito di identificare e distinguere fra attribuzione di colpe politiche, morali, metafisiche.  

L’estrema destra in America Latina è sempre più violenta” osserva Claudia Fanti in una dettagliata ricostruzione per MicroMega+ delle ultime vicende nel continente. L’assalto dei bolsonaristi al palazzo del Congresso in Brasile è solo l’ultimo atto: dalla sospensione democratica di fatto in Perù con decine di vittime fra i manifestanti fino all’attentato a Cristina Kirchner in Argentina, l’estrema destra connessa ai movimenti reazionari mondiali continua a minacciare democrazia e diritti nel nome di ”Dio, Patria, Famiglia”.

In Italia alcune discussioni sembrano destinate a ripetersi all’infinito. Per esempio quella sul Ponte di Messina. Perché ”Il Ponte sullo Stretto di Messina non è un progetto ma un emblema” che risponde a esigenze simbolico-politiche, scrivono i tre docenti dell’Università di Catania Giuseppe Inturri, Francesco Martinico e Fausto Carmelo Nigrelli. Ma se l’obiettivo è migliorare la vita degli abitanti e i trasporti, altre proposte si dimostrano, a un’analisi tecnica, ben più efficienti: per esempio realizzare l’Alta Velocità tra Palermo, Catania e Messina e organizzare un servizio di traghetto con autotrasporto.

”La sinistra è morta viva la sinistra?”: ieri è uscito il volume di MicroMega 1/2023, in cui intellettuali, giornalisti e scrittori si confrontano con le tesi del direttore Paolo Flores d’Arcais sulla sostanziale fine della sinistra politica e le contraddizioni di quella sociale. Raccogliamo la riflessione anche su MicroMega+ con ”Democrazia e partiti: appunti su una débâcle”. Per Fabio Armao, le ragioni dell’involuzione odierna di democrazia e partiti in Europa e negli Stati Uniti vanno cercate nel trionfo del neoliberismo e nella conseguente mercatizzazione della politica, che ha finito per imporre partiti leggeri, ridotti a poco più di semplici comitati elettorali affidati a leader carismatici e venditori di sé stessi.

Non c’è giustizia più spaventosa, perché definitiva, irreparabile, della diseguaglianza del morire: è una discriminazione che a moltissimi toglie decine di anni della propria irripetibile vita, e a pochi altri ne regala, solo in base allo stato sociale e al censo. È ”Il distanziamento sociale della morte”, scrive Marco d’Eramo. E oltre ogni retorica sul progresso, negli ultimi decenni la forbice fra la speranza di vita dei ricchi e quella dei poveri non ha fatto che ampliarsi.

Venti anni fa, nel 2003, la scrittrice Azar Nafisi pubblicava ”Leggere Lolita a Teheran”. La tragica situazione in Iran, in particolare la condizione delle donne, suggerisce di tornare al libro e rileggerlo ai tempi della rivoluzione, scrive Luciano Manicardi, monaco di Bose, in questo lungo saggio letterario che pubblichiamo in due parti. Nelle ragazze di Nafisi troveremmo infatti molti prodromi della rivoluzione di oggi.

ERRATA CORRIGE: Era il 20 gennaio del 2023 e fra tutti questi venti e i tre, abbiamo fatto confusione: nella scorsa newsletter, abbiamo parlato dei ”vent’anni” dalla morte di Audrey Hepburn avvicinandola cronologicamente a quella di Gianni Agnelli, mentre Audrey Hepburn è morta nel 1993 e quest’anno ricorre il trentennale della scomparsa. Ce ne scusiamo con tutti i lettori.

È tutto per questa settimana,

grazie e buona lettura dalla redazione di MicroMega

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

MicroMega+ del 1° marzo 2024

Con contributi di: Pierfranco Pellizzetti, Igor Burdyga, Silvia Cegalin, Claudio Marradi, Martina Ucci e Fabio Armao.