Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

“Leggere Lolita a Teheran” svela il carattere totalitario di ogni abuso

In "Leggere Lolita a Teheran", l’accostamento tra la Teheran della Repubblica islamica e il romanzo Lolita non sta solo nel mostrare il carattere totalitario dell’abuso di un singolo su un’altra persona, ma nell’affermare che l’abuso politico, in un regime teocratico totalitario, assume, riveste e adatta anche le movenze dell’abuso intimo, domestico, di un singolo su un altro.

Pubblichiamo la seconda parte di un lungo saggio letterario sul romanzo di Azar Nafisi ”Leggere Lolita a Teheran” la cui prima parte è comparsa su MicroMega+ del 27 gennaio 2023.

Lolita vista da Teheran
Humbert
L’accostamento del libro di Nabokov alla situazione iraniana, dunque dell’abuso commesso da un singolo alla situazione di oppressione di un intero popolo, ha il merito di mostrare il carattere totalitario di ogni abuso, anche dell’abuso compiuto da un singolo individuo. Tutto questo impedisce di ridurre la vicenda di Lolita a quella di un abuso sessuale, ma chiede di scorgervi la natura complessa dell’abuso secondo il già citato criterio di lettura posto da Azar Nafisi, per cui il cuore della storia di Lolita “non è lo stupro di una ragazzina da parte di un vecchio sporcaccione, ma la confisca della vita di un individuo da parte di un altro[1]. È questa confisca della vita che pervade la vicenda di Lolita e quella delle donne iraniane. Il che significa che dal libro di Nafisi viene l’input a leggere Lolita cercando di individuare i tanti ambiti, le tante forme, le tante modalità che l’abuso, come un mostro polimorfo e policefalo, mette in atto. Del resto, la logica dell’abuso è tale che non si limita a un unico punto: è nella natura dell’abuso il non sopportare limiti. Esso aspira al controllo totale e al dominio dell’altro. Di fatto, il romanzo di Nabokov presenta una Lolita che non esiste se non nel legame con il suo carceriere. Le è strappata la soggettività e, nelle parole di Humbert, non è che “la mia Lolita”[2], “la mia ninfetta”[3], “la mia viziata schiava-bambina”[4].

Questo, dunque, l’intento della mia rilettura di Lolita: cercare di cogliervi le dinamiche che hanno condotto le ragazze iraniane a sentirlo come espressivo della loro situazione vedendo in filigrana loro stesse dietro Lolita e la Repubblica islamica dietro Humbert. La domanda è: come può essere avvenuto il passaggio dalla situazione che vede implicati un singolo uomo e una singola bambina a quella che riguarda un intero popolo, una classe dirigente, un apparato di polizia, e milioni di cittadini? Questo passaggio implica che si approfondisca la nozione di abuso. E ancora: tutto questo, ha qualcosa da dire anche a chi non vive a Teheran? E certo, qui si aprirebbe lo spazio per un’indagine e una riflessione sulla ricezione del testo di Azar Nafisi, sul successo mondiale di questo libro e, soprattutto, sulle sue ragioni. Che corde ha toccato questo testo? Che cosa ha detto a tanti lettori e lettrici di diverse aree geografiche e culturali del mondo? Su quale piaga ha messo il dito? Quale tema universale ha messo a …

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.