Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Guerra e giornalismo al tempo dei social: vecchie abitudini e nuovi equilibri

L’indissolubile binomio tra guerra e giornalismo diventa ancor più interessante da analizzare nel momento in cui entrano in scena le immagini del conflitto. Stiamo parlando di due possibili significati del termine: immagine mentale costruita (anche) dalla narrazione giornalistica nella coscienza dell’opinione pubblica e immagine materiale, statica o in movimento, in grado di dare corpo alla prima.

Le condizioni di base del war reporting rimangono le stesse nel corso del tempo. Per quanto la tecnologia avanzi, le zone di guerra rimangono un luogo al quale il singolo cittadino non può avere completo accesso. Ammesso che le barriere geografiche e culturali possano considerarsi abbattute – la globalizzazione incontra infatti inaspettate “sacche di resistenza” – e che l’interconnessione di rete consenta di accendere un riflettore in qualsiasi luogo, la guerra è ancora un tipo di racconto che ha bisogno di una certa dose di mediazione, anche e soprattutto da parte del giornalismo. L’evoluzione congiunta delle possibilità tecnologiche e delle modalità in cui le immagini che vengono reperite sono oggetto di mediazione / manipolazione è non da oggi fonte di interessanti paradossi. L’immagine (nel senso materiale del termine) ha avuto un ruolo inesorabile nell’impatto che il racconto della guerra ha esercitato sulla pubblica opinione, a partire dall’esperienza del Vietnam per arrivare alla prima guerra del Golfo. E qui individuiamo ben due paradossi. Il primo, il più noto, riguarda l’evoluzione di un war programming parallelo al war reporting, in grado di anticipare e guidare l’opera di mediazione giornalistica attraverso il contenimento fisico dei giornalisti, che si trovano embedded (letteralmente: incorporati) alle forze armate dislocate sul luogo, e la preparazione di rapporti così accurati da non necessitare ulteriori interventi per “portare a casa” la notizia. Il secondo è ben espresso da un altro importante studioso di comunicazione e ricerca sociale, Elihu Katz, che in un intervento dell’estate del 1992 si interroga sulla fine del giornalismo, registrando nella corsa alla trasmissione costante di immagini e notizie dal campo la perdita di una funzione editoriale: la selezione, il taglio e l’ordinamento di tali immagini.

Entrambi questi paradossi producono sviluppi interessanti in occasione del secondo conflitto nel Golfo.

Il war programming si affina, mescola sapientemente le routine giornalistiche con quelle tecniche di storytelling che ormai da anni si dimostrano in grado di rendere vincente ogni tipologia di propaganda, da quella politica a quella commerciale, e definisce nuove pratiche di mal-information. Lasciamo questo termine in inglese per sottolineare una distinzione che non sempre il termine italiano “disinformazione”, o il più classico “mala informazione”, sono in grado di rendere. Un celebre report prodotto nel 2017 per il Consiglio d’Europa chiarisce come “mal-information” si riferisca a un’informazione basata sulla realtà, utilizzata per infliggere danno a persone, organizzazioni o Paesi, distinguendola così dalla “mis-information”, informazione falsa ma diffusa senza l’intenzione di creare danno, magari proprio per placare la fame dell’informazione continua, e dalla “dis…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.