Il separatismo nel Donbas: un comodo cavallo di battaglia

Immaginate il Donbas negli anni Novanta. Le élite locali, composte di fuoriusciti dalla nomenklatura sovietica e criminali del posto, avevano messo sotto il proprio controllo i bocconi più appetitosi dell’industria della regione: imprese del carbone, acciaieria, complesso metallurgico. Il clan non si limitò a impossessarsi dell’industria della regione, ma si trasformò in una vera forza politica, che ha unito le forze con Putin e il “soft power” russo dopo il 2004, quando il Cremlino rimase terrorizzato dalla rivoluzione arancione. È stata quella a convincere Putin che bisognava cavalcare il separatismo nel Donbas e impedire a tutti i costi il passaggio dell’Ucraina nella sfera d’influenza occidentale.

Donbas: dalle origini al referendum per l’indipendenza dell’Ucraina
Enfant terrible di Mosca e di Kyïv: così lo storico di origine americano-giapponese Hiroaki Kuromiya aveva definito il Donbas, ben prima del verificarsi degli eventi attuali, nel suo Freedom and Terror in the Donbas: A Ukrainian-Russian Borderland, 1870s–1990s: uno studio pubblicato nel 1998, sicuramente uno dei migliori in assoluto sulla storia di questa difficile regione, che tratta la questione del separatismo nel Donbas nell’ottica della terra di confine, della regione frontaliera ritrovatasi al centro di un conflitto di civiltà.

Come entità socio-culturale il Donbas è costituito per effetto di alcuni grandi processi storici.  Questa regione steppica scarsamente popolata, un tempo chiamata non a caso Dikoe pole (campo selvaggio), fu colonizzata dai cosacchi nei secoli XVI-XVII. Circa un secolo dopo (nel 1721-1722) vi furono scoperti ricchi giacimenti di carbone, il che dette avvio in queste terre a un boom industriale in cui il capitale straniero giocò un ruolo significativo: Donec’k fu fondata nel 1869 dall’industriale gallese John Hughes, da qui il nome originario dell’insediamento, Juzovka (dal cognome dell’imprenditore pronunciato juz). Dopo la rivoluzione del 1917 il Donbas divenne uno dei centri dell’industrializzazione sovietica. Così, nel bel mezzo della steppa, sorse un potente complesso industriale dominato da due grandi città, Donec’k e Luhans’k, circondate da insediamenti e centri operai minori.

Il crollo dell’URSS e la formazione di un’Ucraina indipendente misero il Donbas a dura prova. Se già al tramonto dell’Unione sovietica l’industria locale si trovava in fase di declino, la crisi degli anni Novanta le inferse il colpo fatale. Molte miniere e fabbriche chiusero, e non furono le sole. Un tratto caratteristico del paesaggio industriale locale di allora erano gli interi quartieri di condomini-fantasma oramai abbandonati dai residenti: l’arresto della produzione aveva fatto cessare anche la vita.

La crisi economica portò a una crisi di valori. Le persone, abituate da sempre a vivere secondo i tempi e i ritmi della grande industria, provavano una profonda frustrazione, il che alimentava la nostalgia per il passato sovietico. Nella storia processi simili hanno interessato anche altre regioni industriali del mondo, ma nel Donbas tutto ciò fu vissuto in modo particolarmente drammatico. E una delle principali cause alla base di tale reazione è sicuramente da ricercarsi nella cultura e nella lingua. …

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.