I rifugiati al confine fra Bielorussia e Polonia

Il valico di frontiera polacco-bielorusso è diventata una delle tante zone di confine del mondo in cui le persone si ammalano e muoiono sotto l'occhio vigile dello Stato. La vulnerabilità e le morti dei rifugiati al confine fra Bielorussia e Polonia sono state normalizzate, cioè sono state viste come una conseguenza regolare e accettabile della politica migratoria adottata.

Qual è l’atteggiamento dei polacchi nei confronti dei rifugiati? Il 2021 e il 2022 hanno visto l’emergere di due discipline di frontiera nettamente diverse lungo il confine orientale della Polonia. A coloro che attraversavano il confine polacco-ucraino venivano offerti controlli di frontiera più rapidi e infrastrutture di supporto, oltre a un’accoglienza calorosa, incoraggiata dalla retorica della dignità e della vicinanza. L’attraversamento dei rifugiati al confine fra Bielorussia e Polonia ha visto blocchi brutali, razzializzazione dei rifugiati non europei e una rapida militarizzazione del confine.

Il risultato è che dalla metà del 2021 il valico di frontiera polacco-bielorusso è diventato una delle tante zone di confine del mondo in cui le persone si ammalano e muoiono sotto l’occhio vigile dello Stato. La vulnerabilità e le morti che si verificano ai confini dello Stato sono state normalizzate, cioè viste come una conseguenza regolare e accettabile della politica migratoria adottata. Ma dato che questi rifugiati chiedono asilo in Polonia, costringerli a tornare in un ambiente a rischio di vita è contrario ai principi della Costituzione polacca e delle Convenzioni di Ginevra.

Una situazione al limite
Nella pratica, si tratta di una risposta illegale a un atto illegale di attraversamento del confine. Tuttavia, non c’è simmetria tra i due casi in termini di illegalità. Le autorità statali mettono deliberatamente e sistematicamente in pericolo la vita umana, mentre i rifugiati sentono di non avere altra alternativa se non quella di violare la cosiddetta integrità del confine; è improbabile che vengano ammessi in Polonia a un normale posto di blocco. Coloro che arrivano in Europa sono fuggiti dalle guerre in Siria e Yemen, dalla lunga miseria dei campi profughi giordani con le loro case container, dalle persecuzioni in Afghanistan o dalla fame in Sudan ed Etiopia. Di fronte alla scelta tra il confine terrestre e quello marittimo europeo, optano per una traversata apparentemente più sicura attraverso la foresta. Fino a un certo punto della traversata, possono contare sul sostegno delle autorità bielorusse. Il gioco della patata bollente con i rifugiati al confine ha conse…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.