L’intervista impossibile a Harriet Taylor Mill e John Stuart Mill su donne, economia e libertà

Fra piéce teatrale e trattato economico-politico, questa intervista impossibile in scena al momento sui palchi italiani fa luce sulle idee di uno dei primi pensatori della modernità che seppe schierarsi a fianco delle donne, John Stuart Mill, e sul ruolo pressoché centrale che ebbe per lui - e per noi, anche se non lo sappiamo - sua moglie Harriett Taylor Mill.

ECONOMISTA   Buongiorno a tutte e tutti. E buongiorno ai miei due straordinari ospiti, Harriet Taylor Mill e John Stuart Mill[i]. Prima di tutto lasciate che vi ringrazi per avere accettato l’invito a venire qui, oggi, al convegno dell’Associazione Italiana per la Storia dell’Economia Politica.[ii]

JOHN STUART MILL   Siamo noi che la ringraziamo. C’è da stupirsi: ancora oggi, dopo tanto tempo, mi chiedono qualche intervista sui temi della libertà e dei diritti, [iii] ma… a dire il vero… non più sul mio libro  Principi di economia politica, anche se quando uscì, nel  1848, fu a lungo un best seller.[iv]

ECONOMISTA    Non se ne abbia a male, ma il suo manuale di economia politica risultò superato una quarantina d’anni dopo con la pubblicazione dei Principi di Alfred Marshall, dove sono sviluppati molti temi da lei trattati.[v]  

HARRIET TAYLOR MILL    Devo dirle che ciò che più mi ha stupito è che lei insistesse a intervistare anche me.

ECONOMISTA   Al contrario, ci tenevo moltissimo a incontrarvi assieme perché lei è considerata a buon diritto la co-autrice del libro che oggi qui più ci interessa, L’asservimento delle donne.[vi] Come avete spiegato, nella lotta per la parità di genere ci sono in gioco importanti aspetti, fortemente interconnessi e di grande attualità, riguardanti i diritti umani, lo sviluppo economico, la giustizia, la libertà e la felicità delle persone.[vii]

JOHN STUART MILL    Il contributo di idee di mia moglie su tutti questi temi è stato fondamentale. Poi, dopo la sua morte improvvisa, la cara Helen, sua figlia, ha collaborato con me alla redazione definitiva del libro L’asservimento delle donne. E quante lettere ha scritto ai giornali, gli appelli, gli articoli![viii] Ehm, sempre sotto il mio nome, devo dire.

ECONOMISTA   Già. Forse un punto un po’ delicato, non crede, considerando l’argomento del vostro libro? Colpisce, in effetti, che i nomi, Harriet Taylor Mill e Helen Taylor, non compaiano. Mai. Non è questa una contraddizione? Firma e fama rigorosamente maschili. Uguaglianza, sì, ma non in casa? 

HARRIET TAYLOR MILL   A dire il vero, John mi ha dedicato il saggio La libertà.[ix]

ECONOMISTA   Senza però nominarla direttamente.

HARRIET TAYLOR MILL   Ma John mi ha spesso citato, insieme a mia figlia Helen, nella sua autobiografia.[x] Noi, a dire il vero, non ci tenevamo a firmare i nostri scritti… anche considerando le difficoltà a cui s’andava incontro manifestando idee in contrasto con quelle prevalenti.

ECONOMISTA   Ai vostri tempi non c’era tutta questa pressione che noi abbiamo a pubblicare e a firmare. Publish or perish, usa dire ora.  Gli indicatori bibliometrici sono sempre più importanti per ottenere i finanziamenti così utili all’attività di ricerca e dunque … alla carriera universitaria.   

JOHN STUART MILL   La mia situazione era ben diversa. Ho lavorato per 35 anni presso la Compagnia delle Indie Or…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.