Moshe Kahn, il “traduttore degli intraducibili”

Il "traduttore degli intraducibili" Moshe Kahn, il più premiato al mondo per la letteratura dall'italiano al tedesco, voce di Horcynus Orca in Germania, racconta il suo "viaggio in Italia" di una vita intera, a cavallo fra la letteratura e la lingua. Un amore per il nostro Paese cominciato con la passione, ancora viva e attiva, per l'opera lirica e il teatro.

Da molto tempo desideravo condividere lo scambio e le chiacchierate semiserie che da qualche anno coltivo con Moshe Kahn tra Berlino, Roma e Marrakesh, suo luogo di ritiro per lavorare in pace o per riposarsi dall’ultima traduzione. Considerato da sempre il maggior traduttore dall’italiano al tedesco, l’autore ha al suo attivo circa 140 traduzioni, anche dall’inglese e dal francese. Pluripremiato sia in Italia sia in Germania, ha vinto tra gli altri il Premio Paul Celan del Deutscher Literaturfonds per l’opera di una vita, con particolare considerazione della versione tedesca di Horcynus Orca di Stefano D’Arrigo nel 2015. Sempre per Horcynus Orca, ha vinto anche il Premio italo-tedesco per la Traduzione del Ministero degli Affari Esteri, e infine il Premio Nazionale Italiano nel 2018.

Cominciamo dall’inizio. Sei nato a Düsseldorf, ma molte vicissitudini storico-politiche ti hanno portato altrove già durante la tua infanzia e adolescenza. Chi era Moshe Kahn prima di diventare il traduttore dall’italiano numero uno?

Innanzitutto desidero ringraziarti per questa opportunità di raccontarmi. Ebbene, durante la guerra i miei genitori erano riusciti a fuggire proprio all’ultimo momento, nel 1942, in Svizzera, con l’aiuto di stretti amici di mia madre, in una situazione estremamente pericolosa per tutti. Ho passato poi la mia prima infanzia e parte della giovinezza a Zurigo e Losanna.

Provieni da studi di filosofia e teologia rabbinica e di orientalistica, e ti ponevi una serie di domande sul popolo ebraico. Che rapporto hai oggi con la religione e la cultura giudaica?

Durante tutta la mia giovinezza mi sono posto un’ unica domanda: come mai tutto quell’odio verso gli ebrei? Le risposte mi sono arrivate con gli anni e con gli studi. Ed erano deprimenti. Oggi, direi che il mio iniziale impegno di militanza si è quietato. Ma desidero sottolineare che la mia visione etica e morale del mondo è fortemente caratterizzata dall’ebraismo che considero tutt’ora una condizione e una fede estremamente umana, molto diversa da tutti i pregiudizi e le malvagità che lo accompagnano da secoli e millenni.

Avresti dovuto diventare banchiere, cosa che non era proprio quello a cui aspiravi. Invece lo erano il teatro, la musica operistica.

Sì. Banchiere, io! Era il sogno di mia madre, perché era quasi un impegno ereditato da alcuni rami della famiglia. Ma non mi interessava. Avevo da sempre un forte interesse per il teatro, per la lirica. Da voce bianca ho cantato all’opera di Zurigo la parte di uno dei tre fanciulli che guidano, nel “Flauto magico”, Tamino alla sua Pamina. Ho cantato il ragazzo pastore nel terzo atto di “Tosca”, anche la parte di Hänsel in “Hänsel und Gretel”. È bastato per consegnare definitivamente l’anima alla lirica e al teatro.     

Ti sei anche interessato in seguito di molte altre cose, prima tra tutte di cinema, per parecchi anni. Allora vivevi a Roma e te la sei spassata. Erano i favolosi anni Sessanta e Settanta… Hai lavorato anche tra gli altri con Visconti e Fellini.

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.