“Putin. Guerra”: quei volontari nel Donbas al soldo dell’esercito russo e ceceno

La seconda parte del rapporto dettagliato "Putin. Guerra" con cui nel 2015 l'oppositore russo Boris Nemcov, poco prima di essere assassinato davanti al Cremlino, denunciava le intenzioni di Vladimir Putin di scatenare una guerra in Ucraina su larga scala. In questi capitoli si denuncia, in modo dettagliato, l'ingerenza pesante e meditata dell'esercito russo e ceceno nei combattimenti fra separatisti nel Donbas. Ringraziamo l'associazione Memorial Italia e l'oppositore politico Il'ja Jašin, attualmente in carcere dove sta scontando una condanna a otto anni e sei mesi per aver condannato pubblicamente il massacro di Buča come responsabilità dell'esercito russo.

Nota della redazione di MicroMega: Proseguiamo con la pubblicazione della seconda parte del dossier curato nel 2015 dall’oppositore del regime Boris Nemcov, poco prima di essere assassinato, e redatto dai suoi compagni Il’ja Jašin (attualmente condannato a otto anni e sei mesi di carcere per aver “diffuso informazioni false” sulle forze armate russe criticando la guerra in Ucraina) e Ol’ga Šorina. In questa seconda parte del dossier viene alla luce come i combattenti volontari filorussi nel Donbas a partire dal 2014 fossero in realtà foraggiati e retribuiti in larghissima parte direttamente dal regime di Putin e addestrati dall’esercito russo o ceceno. La prima parte del dossier si può leggere qui.

Volontari o mercenari?
Le unità regolari dell’esercito russo sono state in larga misura determinanti per i successi militari dei separatisti in Ucraina orientale. Tuttavia anche i rinforzi costituiti dai cosiddetti “volontari”, costantemente arrivati dalla Russia nella zona del conflitto armato, hanno avuto un ruolo significativo per le forze armate delle Repubbliche Popolari di Donec’k e Luhans’k.

Fin dall’inizio del confronto sono arrivati in Ucraina cittadini russi che o si sono organizzati in gruppi militarizzati o si sono uniti a reparti già esistenti. Tra questi combattenti figuravano non pochi ex agenti dell’intelligence e militari di carriera russi, compresi uomini con esperienza di guerra in zone calde e con un passato criminale. Spesso queste persone sono diventate figure chiave tra le truppe dei separatisti, per esempio, Igor’ Girkin, ex ufficiale dell’intelligence, Arsenij Pavlov (conosciuto come Motorola), veterano della “guerra cecena”, e Aleksandr Možaev (conosciuto come Babaj), accusato dalla procura di Krasnodar di tentato omicidio.

Spesso l’arruolamento, l’armamento, il rifornimento e il trasferimento dei “volontari” russi in territorio ucraino sono stati organizzati con l’intervento diretto delle autorità russe.

I mercenari
Ad agosto del 2014 Aleksandr Zacharčenko, premier della Repubblica Popolare di Donec’k, ha dichiarato: “Non abbiamo mai nascosto che tra di noi ci sono molti russi, senza il loro aiuto per noi sarebbe stato molto difficile, sarebbe stato più complicato combattere”. Zacharčenko ha ammesso che tra i separatisti ci sono 3.000-4.000 volontari russi.

Vjačeslav Tetekin, deputato della Duma di Stato della Federazione Russa e membro della Commissione di difesa, ha stimato in 30.000 il numero di “volontari” che partecipano e hanno partecipato alle operazioni militari nel Donbas. “Alcuni hanno combattuto per una settimana, altri per qualche mese, ma, secondo i dati delle autorità delle Repubbliche Popolari di Donec’k e Luhans’k, sui campi di combattimento sono passati all’incirca 30.000 volontari”, h…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.