Il comitato di Guido Crosetto e il militarismo delle istituzioni

La promozione della Difesa e la volontà di cambiare la percezione che i cittadini hanno dell’ambiente militare non è una prerogativa di Guido Crosetto né in generale della destra. I diversi partiti che si sono succeduti al governo negli ultimi anni si sono fatti ugualmente promotori di questo progetto, così come dell’aumento della spesa in Difesa e di un maggiore protagonismo dell’Italia nel mondo secondo una logica militare a prescindere dal proprio posizionamento politico. Di nuovo, però, c’è che il comitato mette insieme personalità che per ragioni diverse sono in conflitto d’interessi.
Il ministro della Difesa Guido Crosetto

“Essere sempre un passo avanti, anche dal punto di vista culturale e dell’elaborazione del pensiero”: è questo l’obiettivo alla base della creazione, da parte del ministro Guido Crosetto, di un nuovo comitato per lo sviluppo e la valorizzazione della Difesa al quale parteciperà anche la società civile.

D’altronde le Forze armate, come ricorda lo stesso Crosetto, sono considerate dall’esecutivo un fattore determinante per la crescita del Paese in quanto garantiscono lo sviluppo del sistema industriale, l’incremento dei livelli occupazionali e più in generale il benessere economico dell’Italia. Una narrazione certamente già utilizzata dai ministri succedutisi negli anni a Palazzo Baracchini, ma che ancora una volta trova scarso riscontro nei dati reali. Il settore Difesa, secondo un rapporto da Aiad e Prometeia, è valso nel 2019 lo 0,9% del Pil, una percentuale poco significativa e distante da quello che ci si aspetterebbe sentendo i discorsi dei rappresentanti del Ministero della Difesa, che da anni sostengono il valore strategico di questo comparto.

Il comitato, descritto erroneamente da alcuni giornali come un think tank di stampo americano, punta a creare “un dialogo strutturale tra il mondo militare, il sistema universitario, l’industria di settore e l’ambiente dell’informazione” in modo da modificare la percezione della società civile riguardo determinate tematiche grazie a incontri, seminari, documenti e direttive elaborate dai membri del comitato. Il tutto con il fine ultimo di giustificare l’aumento delle spese militari, un tema su cui il ministro Guido Crosetto e il governo Meloni non intendono fare marcia indietro.

Il comitato istituito da Guido Crosetto può essere facilmente bollato come un’iniziativa tipica della destra, ma la sua creazione è…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.