La storica alleanza dei sindacati francesi

L’opposizione alla riforma delle pensioni voluta da Macron ha compattato i sindacati francesi in un modo mai visto negli ultimi cinquant’anni, rilanciando il ruolo del sindacalismo nel mondo del lavoro e sulla scena politica e sociale. E dire che, come sottolinea Yvan Ricordeau, segretario nazionale del sindacato Confédération française démocratique du travail (CFDT), non vi è tanto un’opposizione totale alla riforma in sé quanto al modo in cui il Presidente l’ha portata avanti, promulgando una riforma brutale, diretta, approvata senza l’avallo del Parlamento e senza consultare le parti sociali e gli stessi sindacati.
Sindacati

L’intersindacale è di fatto un evento storico per la Francia: per la prima volta, almeno da molti anni, otto sindacati hanno unito le proprie forze stringendo un’alleanza inedita per poter contrastare una riforma delle pensioni che il Presidente Macron ha voluto approvare senza passare per il voto all’Assemblea nazionale. Era da molto tempo che in Francia non si vedeva un movimento intersindacale così forte. È un evento, credo, senza precedenti perché ci siamo accordati su uno slogan comune, mentre storicamente le organizzazioni sindacali francesi erano abituate sì a manifestare insieme, ma con richieste diverse. Quest’anno abbiamo manifestato insieme per una richiesta comune, ovvero il rifiuto categorico di questa riforma delle pensioni. Da questo punto di vista, proprio l’avanzamento di una richiesta comune è stato strategicamente vincente, è stato potente simbolicamente organizzare ben tredici manifestazioni che hanno riunito masse di lavoratori che non si vedevano da almeno cinquant’anni. Anche l’imponenza delle manifestazioni è stata assolutamente inedita. E poi c’è un elemento che va evidenziato e che è si presenta molto raramente in Francia: questo movimento si è concluso il Primo maggio con tutte le sigle sindacali insieme. Spesso, quando ci sono stati movimenti intersindacali in Francia, dopo un po’ si erano verificate divergenze di opinione tra le organizzazioni sindacali. Qui, fino alla fine, c’è stato un fronte comune compatto.

Quando mi si chiede quali siano i punti critici di questa riforma, quelli che vengono rigettati dal sindacato, occorre precisare che il sindacato CFDT è in linea di massima favorevole alla riforma delle pensioni nel nostro Paese. Non siamo certo in disaccordo sul fatto che dobbiamo rivedere il funzionamento del nostro sistema pensionistico. Non c’è disaccordo nemmeno sulla necessità di esaminare il funzionamento della nostra previdenza sociale. D’altra parte, la CFDT ha sempre affermato che, per affrontare la questione del pensionamento, dobbiamo affrontare anche la questione dell’occupazione, del lavoro, perché riguarda le carriere professionali e non è solo l’ultimo periodo della vita dei lavoratori a doverci preoccupare. Il secondo elemento – e questo è suffragato da diversi rapporti e studi di divers…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.