Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

L’uomo senza scrupoli: Emmanuel Macron sta portando la Repubblica francese alla deriva

Emmanuel Macron ha affermato di non avere “alcuno scrupolo“ a calpestare i diritti del Parlamento per evitare la bocciatura della sua riforma delle pensioni. Questa ammissione proietta un’ombra inquietante sul progetto di una presidenza che, lungi dal bloccare l’estrema destra, le sta spianando la strada, abituando la Francia alla violenza antidemocratica e all’ideologia anti-egualitaria. L’analisi di Edwy Plenel, direttore del sito d’informazione Mediapart.
Macron

Il 7 aprile 2023, nel grande anfiteatro della Sorbona di Parigi, l’accademico Pap Ndiaye ha ascoltato Dominik Moll, regista de La Nuit du 12, che si trovava lì per ricevere  il premio César per gli studenti delle scuole superiori, dirgli con il garbo dell’ironia quanto ammirasse il suo “coraggio“ per aver accettato di lavorare con “un governo e un Presidente le cui parole e azioni sono un po’ l’opposto dei valori che dovrebbero essere trasmessi dalla scuola“. “Un governo e un Presidente“, ha proseguito il regista tra le ovazioni del pubblico, “che preferiscono imporre piuttosto che dialogare, dare lezioni piuttosto che insegnare, dividere e dividersi piuttosto che unire, a volte il disprezzo al rispetto e all’ascolto, gli interessi particolari al bene comune e il cui unico criterio di successo sembra essere quello di essere sempre i primi in tutto“. Di fronte a un ministro dell’istruzione il cui silenzio imbarazzato era più che eloquente, il cineasta ha consegnato un manuale di educazione civica ad uso di coloro che governano la Francia e dell’uomo che la presiede, Emmanuel Macron.  

Tre settimane prima, all’indomani della decisione di ricorrere all’articolo 49.3 per evitare la bocciatura della sua dannosa, inutile e ingiusta riforma delle pensioni da parte della maggioranza dei deputati, il Presidente francese aveva dichiarato al quotidiano Le Monde di non avere “nessuno scrupolo, nessun rimpianto“. L’assenza di rimpianti non sorprende se consideriamo l’uomo che il 14 aprile, proprio il giorno in cui si attendeva la decisione del Consiglio Costituzionale sulla sua riforma, non ha esitato a proclamare, spavaldo e sicuro di sé: “Non mollare nulla, questo è il mio motto“.

Ma la parola “scrupoli“, pesata con il linguaggio della comunicazione presidenziale, dice molto sulla personalità e sul progetto di colui che presiede la Francia già da sei lunghi anni. “Scrupolo“, come ricorda il Dizionario dell’Accademia di Francia, indica quel “sentimento che turba la coscienza di un individuo prima che agisca, e lo fa esitare, dubitare“. La sua etimologia risale al latino scrupulus, una piccola pietra appuntita che, infilatasi nei sandali, ostacola il legionario fino a impedirne la marcia di conquista.

Questo era il significato della parola nel dizionario di Émile Littré, fervente repubblicano del Diciannovesimo secolo: uno scrupolo è “qualcosa che imbarazza la coscienza, come un sassolino nella scarpa ostacola chi cammina“. Il suo Dictionnaire de la lan…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.