Preservare il più bel frutto della Resistenza

Quello di Mussolini fu un regime che, dietro illusorie promesse rivoluzionarie, nacque grazie a intrallazzi e finì nello sfacelo in cui trascinò il Paese. Ma nel frattempo al suo interno aveva iniziato a spirare il vento della Resistenza partigiana, da cui nacquero la democrazia italiana e la Costituzione che ne è a fondamento. Una Costituzione da preservare e di cui ripercorriamo alcuni articoli fondamentali.
Costituzione

Nel film La marcia su Roma Dino Risi, da maestro qual è, rappresenta molto bene attraverso i due protagonisti – Domenico (Vittorio Gassman), piccolo borghese spiantato e furbastro, e Umberto (Ugo Tognazzi), contadino che aspira a diventare proprietario di un pezzo di terra da coltivare in proprio – l’illusione creata dal programma di San Sepolcro (1919). Un manifesto di verbosità che nella bivalenza delle formule faceva scambiare per rivoluzione il ribellismo con cui Mussolini giocava la partita di sempre: la scalata al potere, usando strumentalmente le masse mentre si alleava con i poteri forti (industria, finanza, chiesa, corona, esercito) e politici illusi di durare e che entreranno a far parte di quel governo di coalizione già approntato dal re. Un governo di cui Mussolini ha ufficialmente incarico nell’ambito della fervente trattiva e del conseguente gioco delle parti: il colpo di Stato di una corona che si rimangia anche la sua firma dello Stato d’assedio – di fatto già in atto e poi fatto smobilitare – con il comunicato dell’Agenzia Stefani che, alle ore 12,40 del 28 ottobre 1922, batte la notizia «Il provvedimento della proclamazione dello Stato d’assedio non ha più corso».

Una nota che in quel «non ha più corso» rivela la verità scomoda delle trattative di Vittorio Emanuele III per il colpo di Stato, Stato che affidava ufficialmente a Mussolini il quale, prudenzialmente in attesa a Milano, il 30 ottobre giungeva in treno a Roma per essere a capo di quella marcia-farsa, apprestandosi il giorno dopo alla formazione del suo primo governo. Un governo di coalizione formato per la maggioranza da esponenti della vecchia classe politica, con soltanto quattro fascisti.

Era l’inizio: “C’è il governo. Ci sono io. gli italiani devono e dovranno obbedire”, affermava il duce del fascismo insediatosi il 2 novembre nelle stanze del Gabinetto.  

Un regime delinquenziale prendeva il potere e l’avrebbe mantenuto per un ventennio dittatoriale che imponeva in una società gerarchizzata razzismo e miseria, fino alla guerra al fianco di Hitler.

E fu proprio lo sfacelo dell’Italia nella Seconda guerra mondiale a portare alla sua caduta.

Le sconfitte sui fronti di guerra aprirono un fronte interno tra dimissioni e cambi di guardia di capi militari e gerarchi fascisti, mentre nel Paese riprendeva vigore la resistenza antifascista con scioperi ben organizzati. Scioperi politici, che al motto “Pane Pace Libertà il 5 marzo del 1943 partono dall’officina 19 della Fiat Mirafiori di Torino” si estendevano in Lombardia, Reggio Emilia, Toscana, coinvolgendo in pochi giorni migliaia di lavoratori.

La narrazione dell’identificazione del popolo italiano col regime mussoliniano si infrangeva! Segnali c’erano stati già alle stazioni ferroviarie in occasione delle partenze dei soldati per il fronte russo, accompagnate da tumulti. E tra l’agosto…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.