Queen, 50 anni fa il primo album della band di Freddie Mercury

Il 13 luglio 1973 i Queen pubblicavano il loro primo, omonimo album. La sua genesi fu piuttosto travagliata ma evidentemente la band inglese era destinata a una carriera regale quanto il nome scelto dal suo cantante e frontman. Qui ne ripercorriamo la storia artistica e produttiva.
Queen

È proprio così: anche ad oltre trent’anni ormai trascorsi dalla morte di Freddie Mercury, i Queen continuano ad essere uno dei gruppi più famosi ed amati della storia del rock. La loro musica non conosce confini e continua a far sognare intere generazioni di ascoltatori. Veramente difficile (per non dire impossibile) non aver mai ascoltato almeno un brano dei Queen nella vita: canzoni come We Are The Champions, Bohemian Rhapsody, We Will Rock You, Radio Ga Ga o I Want To Break Free (per citarne solo alcune, in quanto la lista è davvero sterminata),sono successi planetari senza tempo, che è possibile ascoltare ogni volta che si accende la radio, la televisione o si accede a piattaforme in rete come Spotify e YouTube.

Nel 1969 Brian May e Roger Taylor, che assieme al bassista e cantante Tim Staffell, suonavano in un gruppo chiamato Smile, conobbero, proprio grazie a Staffell, il giovane Farrokh Bulsara (vero nome di Freddie Mercury). Egli, che all’epoca faceva parte di una blues band chiamata dapprima Ibex e poi ribattezzata Wreckage, iniziò a seguire ed incoraggiare la band, dispensando loro consigli su come suonare, comporre e presentarsi sul palco.

In quello stesso anno, gli Smile firmarono un contratto con la Mercury Records, per la pubblicazione di un singolo. Il brano (intitolato Earth), registrato nei Trident Studios e composto dallo stesso Staffell, tuttavia non ottenne il successo sperato, portando così il bassista alla decisione di abbandonare il gruppo, che si sciolse definitivamente.

Nel 1970 Brian May e Roger Taylor decisero di unire nuovamente le forze per la formazione di una nuova band e fu a quel punto che Farrokh Bulsara (che nel frattempo decise di acquisire il nome d’arte di Freddie Mercury), si propose come nuovo cantante, proponendo anche un nuovo nome per il gruppo: nacquero dunque i Queen. Riguardo alla scelta del nome, Mercury in seguito dichiarò: “Queen è un nome corto, semplice e facile da ricordare ed esprime poi quello che vogliamo essere, maestosi e regali. Il glam è parte di noi e vogliamo essere dandy”.

I tre musicisti si misero subito alla ricerca di un bassista: la scelta cadde dapprima su M…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.