Queen, 50 anni fa il primo album della band di Freddie Mercury

Il 13 luglio 1973 i Queen pubblicavano il loro primo, omonimo album. La sua genesi fu piuttosto travagliata ma evidentemente la band inglese era destinata a una carriera regale quanto il nome scelto dal suo cantante e frontman. Qui ne ripercorriamo la storia artistica e produttiva.
Queen

È proprio così: anche ad oltre trent’anni ormai trascorsi dalla morte di Freddie Mercury, i Queen continuano ad essere uno dei gruppi più famosi ed amati della storia del rock. La loro musica non conosce confini e continua a far sognare intere generazioni di ascoltatori. Veramente difficile (per non dire impossibile) non aver mai ascoltato almeno un brano dei Queen nella vita: canzoni come We Are The Champions, Bohemian Rhapsody, We Will Rock You, Radio Ga Ga o I Want To Break Free (per citarne solo alcune, in quanto la lista è davvero sterminata),sono successi planetari senza tempo, che è possibile ascoltare ogni volta che si accende la radio, la televisione o si accede a piattaforme in rete come Spotify e YouTube.

Nel 1969 Brian May e Roger Taylor, che assieme al bassista e cantante Tim Staffell, suonavano in un gruppo chiamato Smile, conobbero, proprio grazie a Staffell, il giovane Farrokh Bulsara (vero nome di Freddie Mercury). Egli, che all’epoca faceva parte di una blues band chiamata dapprima Ibex e poi ribattezzata Wreckage, iniziò a seguire ed incoraggiare la band, dispensando loro consigli su come suonare, comporre e presentarsi sul palco.

In quello stesso anno, gli Smile firmarono un contratto con la Mercury Records, per la pubblicazione di un singolo. Il brano (intitolato Earth), registrato nei Trident Studios e composto dallo stesso Staffell, tuttavia non ottenne il successo sperato, portando così il bassista alla decisione di abbandonare il gruppo, che si sciolse definitivamente.

Nel 1970 Brian May e Roger Taylor decisero di unire nuovamente le forze per la formazione di una nuova band e fu a quel punto che Farrokh Bulsara (che nel frattempo decise di acquisire il nome d’arte di Freddie Mercury), si propose come nuovo cantante, proponendo anche un nuovo nome per il gruppo: nacquero dunque i Queen. Riguardo alla scelta del nome, Mercury in seguito dichiarò: “Queen è un nome corto, semplice e facile da ricordare ed esprime poi quello che vogliamo essere, maestosi e regali. Il glam è parte di noi e vogliamo essere dandy”.

I tre musicisti si misero subito alla ricerca di un bassista: la scelta cadde dapprima su M…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.