Cile: l’occasione perduta

Nel corso di quattro anni dall’esplosione delle proteste sociali a oggi, la popolazione del Cile ha rifiutato ben due progetti di riforma costituzionale, di segno opposto fra loro, mandando alle élite politiche di tutti i colori un chiaro segnale di perdita di fiducia e disillusione. È un fallimento soprattutto della sinistra che ha perso una grande occasione per dare vita a una nuova stagione di diritti e di uguaglianza sociale per l’intera società cilena.

Lo scorso 17 dicembre il Cile, con il 55,76% dei voti contrari, ha rifiutato per la seconda volta consecutiva un progetto costituzionale per sostituire la Costituzione promulgata nel 1980 durante il regime di Pinochet. Una delle foto più significative comparse durante la campagna costituzionale ritrae una giovane donna di spalle con un cartellone appeso sulla schiena che recita “contro un testo che nessuno ha chiesto”. Sebbene si riferisse al progetto costituente sottoposto a referendum la scorsa settimana, dice qualcosa sull’intero processo: la classe dirigente cilena, nuova o vecchia che sia, in questi quattro anni non è stata in grado di costruire ponti per favorire il dialogo all’interno di una società divisa, fortemente polarizzata. Disuguaglianze sociali, aumento dell’insicurezza e incertezza per il futuro avevano spinto la stragrande maggioranza dei cileni e delle cilene a prendere parte all’estallido social dell’ottobre 2019, al grido di “no son treinta pesos, son treinta años“. Sul finire del 2023, il Paese andino si trova quasi allo stesso punto di partenza. Come dice Paul Walder, membro del Centro Latinoamericano de Análisis Estratégico (CLAE), “se all’epoca l’espressione era la rabbia collettiva, oggi è il disagio e il pessimismo”. Com’è possibile che dalla rabbia, dalla speranza, si sia arrivati alla disaffezione? Che cosa è successo in questi quattro anni?

Nel 2019, come menzionato, è esplosa la miccia: dopo un mese e mezzo di proteste le forze politiche rappresentate al Congresso avevano raggiunto un accordo per dare uno sbocco istituzionale alle manifestazioni. Da quel momento si decise di convocare un plebiscito per chiedere a cittadine e cittadini se volessero cambiare la legge fondamentale cilena. A causa dell’esplosione della pandemia, il referendum fu rimandato a ottobre 2020, a un anno dalla storica manifestazione in quella che era stata ribattezzata Plaza Dignidad. Il popolo cileno si espresse ampiamente a favore (il 78,28%) di una nuova e inedita fase costituente. Il 2021, poi, fu l’anno della sinistra, che era riuscita a capitalizzare al meglio l’entusiasmo delle manifestazioni: a maggio, alle elezioni dei membri della convenzione costituzionale ottenne la maggioranza dei seggi. Un grande successo, in particolare per le liste indipendenti, non legate ai partiti tradizionali; mentre alle presidenziali di novembre e al ballottaggio di dicembre

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.