Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant'anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Novanta anni fa, il 4 luglio 1934, moriva Marie Curie.

Albert Einstein (1879-1955), suo grande amico, un anno dopo la sua morte, in una commemorazione svoltasi a New York presso il Roerich Museum, ebbe a dire:

“La sua forza, la purezza della sua volontà, la sua austerità verso se stessa, l’obiettività, il giudizio incorruttibile, sono tutte qualità che raramente si trovano unite in un’unica persona […]. Una volta che aveva riconosciuto una via come quella giusta, la seguiva senza compromessi e con estrema determinazione[1].

Le parole di Einstein delineano molto bene il carattere e la personalità di quella che, senza dubbio, è stata la più insigne scienziata del Novecento.

La vita di Madame Curie è ben nota ed è stata ampiamente raccontata in numerosi libri[2] e film[3]. Nel presente articolo vogliamo ricordare la sua figura ripercorrendo brevemente la sua straordinaria esistenza, con particolare riferimento agli anni giovanili della sua formazione. Lei stessa riteneva infatti fondamentale l’istruzione e l’educazione sia per l’individuo sia per l’intera società.

Maria Salomea Skłodowska nacque a Varsavia il 7 novembre 1867. Il padre Władysław Skłodowski insegnava fisica in un liceo pubblico di Varsavia, mentre la madre Bronisława Boguska dirigeva la scuola femminile privata nel centro della città, dove la famiglia risiedeva.

Maria era la quinta figlia, nata dopo Zofia (1862), Józef (1863), Bronisława (1865, per tutti Bronia) ed Helena (1866). L’anno successivo alla nascita di Maria, nel 1868, suo padre venne nominato vicedirettore del liceo. La madre, donna di grande cultura e dotata di talento musicale, lasciò invece il lavoro per dedicarsi all’istruzione dei figli.

Entrambi i genitori erano molto istruiti e Maria crebbe in una ambiente in cui la cultura era ritenuta fondamentale. L’insegnamento e la diffusione del sapere erano infatti visti come i principali strumenti per favorire l’indipendenza della Polonia.

Nel 1871, la madre contrasse la tubercolosi e fu costretta a trascorrere lunghi periodi di cure in Austria e poi nella Francia me…

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.

Lula, tutte le ombre del suo terzo mandato

Lula ricopre per la terza volta la carica di presidente del Brasile. In questa occasione però l’assenza della maggioranza al Congresso gli impone di dialogare con le forze più conservatrici del paese. Ma finora Lula non ha negoziato con esse, dimostrandosi piuttosto alla loro mercé. A farne le spese donne, classi lavoratrici, indigeni e ambiente.