Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

MicroMega+ del 5 luglio 2024

Con contributi di Martino Mazzonis, Claudia Fanti, Rossella Guadagnini, Ingrid Colanicchia, Mattia Gambilonghi, David Tozzo e Silvano Fuso.

Redazione

Negli Stati Uniti si approssimano le elezioni presidenziali di novembre. Il successo nel dibattito televisivo contro Biden e l’immunità accordatagli dalla Corte Suprema sembrano ormai aver definitivamente lanciato Trump verso la vittoria. Chi potrebbe comporre la sua amministrazione in caso di elezione? A tracciarci i profili dei probabili componenti della sua squadra è Martino Mazzonis. A proposito di presidenti americani, il 2 luglio del 1964 Lyndon B. Johnson approvava il Civil Rights Act ponendo fine alla segregazione razziale. Ma, come ci spiega Ingrid Colanicchia, quel documento non è stato frutto di una gentile elargizione dall’alto ma di un secolo di lotte del movimento per i diritti civili.
Spostiamoci in Italia: nel suo recente libro
Giorni memorabili che hanno cambiato l’Italia (e la mia vita), l’ex magistrato Gian Carlo Caselli ripercorre cinquant’anni di vicende giudiziarie che lo hanno visto come protagonista. A presentarci il saggio è Rossella Guadagnini, che ne ha parlato direttamente con l’autore.
Protagonista della storia italiana, stavolta sul versante politico, è sicuramente stato Enrico Berlinguer. A quarant’anni dalla scomparsa l’ex segretario del Pci rimane amatissimo, come abbiamo visto nelle celebrazioni dell’anniversario; ma la simpatia verso la sua statura umana spesso si accompagna a un depotenziamento del suo pensiero politico. A ricordarci chi fosse anche da questo punto di vista sono i ricercatori Mattia Gambilonghi e David Tozzo.
Uno degli esponenti di quel socialismo che si vorrebbe rinnovato nel XXI secolo è certamente Lula in Brasile. Ma, come ci spiega Claudia Fanti, il terzo mandato del presidente non si sta svolgendo come i precedenti: essere in minoranza al Congresso impone a Lula di dialogare con le forze più conservatrici e reazionarie della società, di cui però è sostanzialmente alla mercé. 
Chiudiamo ricordando una scienziata che ha fatto del progresso culturale il motore di tutte le sue azioni: Marie Curie ci lasciava 90 anni fa, il 4 luglio 1934. A ripercorrerne per noi la vita e la folgorante carriera scientifica è Silvano Fuso.

PRESIDENZE “Trump e The Squad”, chi potrebbe comporre la prossima amministrazione repubblicana di Martino Mazzonis

La recente sentenza della Corte suprema americana, che garantisce l’immunità al presidente nel caso in cui stia svolgendo le sue funzioni e il successo nel confronto televisivo con Biden sembrano garantire a Trump la vittoria alle prossime presidenziali di novembre. Ma un uomo al comando non è mai solo: chi sarà quindi a comporre la prossima amministrazione repubblicana in caso di affermazione del tycoon?

Lula, tutte le ombre del suo terzo mandato di Claudia Fanti

Lula ricopre per la terza volta la carica di presidente del Brasile. In questa occasione però l’assenza della maggioranza al Congresso gli impone di dialogare con le forze più conservatrici del paese. Ma finora Lula non ha negoziato con esse, dimostrandosi piuttosto alla loro mercé. A farne le spese donne, classi lavoratrici, indigeni e ambiente.

GIUSTIZIA È LIBERTÀ –  Storia d’Italia, storia di Gian Carlo Caselli di Rossella Guadagnini

Attraverso il racconto del giudice Gian Carlo Caselli in “Giorni memorabili che hanno cambiato l’Italia (e la mia vita)”, edito da Laterza, ripercorriamo vicende giudiziarie cruciali dal 1974 ad oggi, che hanno fatto la storia dell’Italia intera. La biografia di un uomo di legge e gli eventi a cui ha assistito, i fatti e i commenti, le delusioni e le vittorie. Tutto, o quasi, quello che avremmo avuto bisogno di sapere 50 anni prima, se solo fosse stato possibile.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte di Ingrid Colanicchia

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

IL MITO E LA STORIAEnrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato di Mattia Gambilonghi e David Tozzo

Il “San Berlinguer” propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista e da quegli “ideali di gioventù” che ne rappresentano l’imprescindibile retroterra.

L’ANNIVERSARIO Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà di Silvano Fuso

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.


Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.