Israele, Iran e mondo arabo, storia di un rapporto ambivalente

La polarizzazione della diaspora iraniana e la visibilità ottenuta negli ultimi anni hanno diffuso una visione spesso distorta, tra gli europei, sui vari punti di vista dei dissidenti del regime iraniano. Le immagini dei monarchici iraniani alle proteste pro-Israele, specialmente dopo il movimento “Donna, vita, libertà”, hanno contribuito a un racconto fuorviante delle relazioni tra Iran, Palestina e Israele e delle opinioni degli iraniani, in particolare degli oppositori al regime. L’idea che esistano solo due fronti nettamente contrapposti, uno anti-regime (pro-Pahlavi, anti-palestinese, sionista) e uno pro-regime (pro-Khamenei, anti-israeliano e islamista), non solo è errata, ma ignora le molteplici voci che emergono dall’Iran.