Il mio ateismo libertario fra don Giussani e Ludovico Geymonat

Ricordiamo il filosofo Giulio Giorello, scomparso il 15 giugno di un anno fa, ripubblicando questa sua testimonianza – uscita sul numero 5/2013 di MicroMega – nella quale, dall’insegnamento di religione di don Luigi Giussani agli incontri con il filosofo della scienza Ludovico Geymonat, ripercorre le tappe del suo percorso verso l’ateismo.

«Trovo conveniente non approfondire l’opinione di Copernico», mentre «importa… sapere se l’anima è mortale o immortale»: pensiero n. 218 (edizione Brunschvicg) di Pascal. E se invece ci interessassero di più i movimenti della Terra che l’immortalità dell’anima? Forse è stata un’eccezione nel paese Italia l’educazione offertami dai miei genitori, meno sensibili ai problemi teologici e più attenti alle questioni scientifiche – fin da quando, servendosi di un’arancia (per la Terra) e di una candela (per il Sole), cercavano di «dimostrarmi» come fossero plausibili la rotazione sul proprio asse del nostro globo e la sua rivoluzione intorno al Sole.

Quando ero in terza liceo classico, mi spedirono una sera ad assistere alla messa in scena al Piccolo Teatro della Città di Milano della Vita di Galileo di Bertolt Brecht. Mi ricordo di aver provato una forte commozione a sentire Tino Buazzelli – nei panni dello scienziato «fiorentino» – dichiarare: «Non mi importa di mostrare di aver avuto ragione, ma di stabilire se l’ho avuta… Se qualche scoperta seconderà le nostre previsioni, la considereremo con speciale diffidenza. E dunque, prepariamoci ora a osservare il Sole con l’inflessibile determinazione di dimostrare che la Terra è immobile! E solo quando avremo fallito, quando battuti senza speranza, saremo ridotti a leccarci le ferite, allora con la morte nell’anima cominceremo a domandarci se per caso… la Terra gira». All’università avrei poi scoperto, leggendo Karl Popper, che quella «diffidenza» si chiama atteggiamento critico e che il sospettare del nostro stesso successo è la molla della crescita della conoscenza. In quei mesi di tarda primavera in cui mi stavo preparando all’esame di maturità si alzavano dalle chiese milanesi novene affinché la divina Provvidenza facesse sì che quello spettacolo nemmeno debuttasse. Però, il Signore doveva essere distratto, e le cose andarono diversamente.

Negli anni trascorsi al liceo Berchet di Milano mi era toccato come insegnante di religione don Luigi Giussani, il quale sarebbe diventato poi fondatore del movimento cattolico di Comunione e liberazione. Insegnava non l’arte della diffidenza, ma quella della fiducia «nella tradizione dei propri genitori», dalla quale si sarebbe potuti risalire all’«incontro» con una rivelazione che racchiudeva il nucleo profondo della Verità (con tanto di maiuscola). Ora, mia madre era di famiglia palermitana, e le sue «radici» affondavano nel terreno della Sicilia «araba»; mio padre, ligure, alto quasi un metro e novanta e dalla pelle curiosamente scura, era uno di quelli che venivano ancora chiamati «figli di Dragut» cioè i discendenti dei rampolli che nel Cinquecento le donne della Riviera di Ponente avevano avuto dai pirati musulmani. Se Giussani avesse avuto ragione, avrei dovuto approfondire per prima cosa la tradizione islamica. Una volta gli chiesi se era così gentile da indicarmi la direzione della Mecca. Non gradì: …

A Hebron è in vigore l’oppressione permanente dei palestinesi

Dalle punizioni collettive alle tecniche di sorveglianza e riconoscimento facciale,  passando per le “sterilizzazioni” delle strade dalla presenza palestinese come le chiamano i soldati, ogni “misura temporanea di sicurezza” che istituzioni e coloni israeliani testano su Hebron diventa poi uno strumento d’oppressione permanente imposto sull’intera Cisgiordania. Per usare le parole di Issa Amro, leader della resistenza non violenta nella regione, Hebron è il “laboratorio dell’occupazione”.

“Israelism”, la rivolta dei giovani ebrei negli USA contro l’indottrinamento sionista

Il film di Sam Eilertsen ed Erin Axelman “Israelism”, proiettato recentemente in Italia, racconta il processo di presa di coscienza di una intera generazione di ebrei americani cresciuti fin da bambini in un ambiente di ferreo indottrinamento al culto di Israele e alla propaganda sionista. Finché molti di loro, confrontandosi con la realtà dei palestinesi attraverso viaggi sul posto o nei campus universitari, non capiscono di essere stati spinti ad annullare la loro ebraicità nella fede cieca in un progetto etnonazionalista.

Basta con le Identity politics: non conta se sei oppresso ma se combatti l’oppressione

Nella sinistra postmoderna il discorso sull’oppressione tende a ridursi al punto di vista della vittima. Gli oppressi vengono collocati all’interno di un gruppo indifferenziato la cui unica cifra è l’oppressione stessa. Questo atteggiamento porta ai giudizi ad hominem, poiché non contano tanto le idee ma la posizione in cui si colloca chi le esprime: se non sei un oppresso, non puoi parlare di emancipazione. Se sei un “vecchio uomo bianco”, tenderai sempre e solo a voler mantenere i tuoi privilegi. Le discussioni su chi ha il diritto di parola dovrebbero però lasciare il posto alle discussioni su che cosa ha da dire.