Serbia: fioriscono organizzazioni destrorse sedicenti esperte in “sicurezza”

Il Balkan Investigative Reporting Network (Birn) ha individuato un manipolo di organizzazioni serbe autoproclamatesi “esperte” in sicurezza che godono di inquietanti legami con il partito al governo.

A ottobre, nella sezione necrologi del quotidiano serbo Politika, è stato pubblicato un annuncio che recitava: «Ultimo saluto al mio amico e compagno d’armi Stevo Djokic». Firmato Aleksandar Vučić. Vučić è il presidente della Serbia. Stevan Djokic, un sedicente esperto di sicurezza e opinionista della televisione filo-governativa, è stato il primo membro dell’Ordine militare ortodosso dei cavalieri templari, un oscuro gruppo di intransigenti nazionalisti serbi ortodossi che, curiosamente, prende il nome da un ordine militare cattolico del XII secolo e giura di proteggere i «valori familiari» cristiani dalla comunità lgbt, dai trafficanti di droga, dai pedofili e dai migranti provenienti dai Paesi islamici.

«Si conoscevano da molto tempo», dice di Vučić e Djokic, morto a 44 anni dopo aver contratto il Covid-19, Dušan Ivković, membro dell’organizzazione. Ma un’antica amicizia personale non è l’unico legame tra l’élite al potere in Serbia e una serie di organizzazioni di destra che sono diventate sempre più visibili da quando il Partito progressista conservatore di Vučić ha preso il potere, nel 2012, dopo aver rotto con il Partito radicale ultranazionalista del condannato criminale di guerra Vojislav Šešelj.

Uno di questi collegamenti è il Centre for Security, Investigations and Defence (Dba), fondato da Djokic e registrato allo stesso indirizzo di Belgrado dell’Ordine dei cavalieri templari.

Djokic e le organizzazioni da lui guidate hanno buoni rapporti con una serie di famigerati gruppi estremisti serbi, tra cui i vigilantes anti-migranti Leviathan e People’s Patrols, nonché Serbian Right, una presenza fissa della scena dell’estrema destra. Conta tra i suoi membri anche Nikola Sotirovski, marito della sindaca di Nis e membro del consiglio direttivo del partito di Vučić, e stretti legami con Vladimir Đukanović, membro della presidenza e del consiglio del partito, deputato e capo della Commissione parlamentare giustizia.

Oltre a Dba, Birn ha individuato almeno altre cinque organizzazioni di destra che rivendicano competenze nel settore della sicurezza e che promuovono la polizia e i militari serbi nonché temi di destra, godendo delle simpatie del partito al governo.

Con nomi che suonano come organismi di sicurezza rispettabili (International Police Organisation, World Police Counter-Terrorism Organisation, European Police Organisation, Global Police Association), gli analisti dicono che rappresentano una simulazione della società civile, controllata dal governo, e un mezzo per reclutare giovani serbi di destra attirati dai distintivi, dai giuramenti sull’onore e dal cameratismo.

«Sono decisamente pericolosi», afferma Predrag Petrović, programme director del think-tank indipendente Belgrade Centre for Security Policy, descrivendoli come parte di un «mondo parallelo delle ong e della para-polizia». «È chiaro che sono tutti collegati e ruotano attorno a un unico centro», spiega a Birn. «Attirano [persone] …

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.