Quando lo “ius scholae” non basta: essere giovani cinesi a Prato

A Prato, nella provincia con la maggior incidenza di persone di origine cinese in Italia, i giovani vivono una situazione di doppia tensione: da una parte la cittadinanza italiana non gli viene riconosciuta, dall'altra la mentalità dei genitori li mantiene ancorati all'identità cinese. Il risultato è che a scuola rischiano di rimanere per sempre compressi nel ruolo di "cinesi che studiano materie italiane" e non riescono a sviluppare un'identità libera dal nazionalismo.
cittadinanza cinese a Prato

“Sono nata a Genova e ho sempre vissuto in Italia: per questo mi sento italiana, ma gli stessi italiani mi considerano ancora una straniera per il mio aspetto”. Sono le parole di Giorgia Gao, studentessa 17enne cinese del liceo Gramsci-Keynes di Prato, la città italiana con la più alta percentuale di residenti cinesi tra la popolazione locale (14,3%). Il senso perenne del vivere da ‘separati in casa’ colpisce i residenti cinesi della città toscana i quali, nonostante stiano cercando di vivere un periodo di “normalizzazione” dopo essere stati radicati sul territorio da oltre 40 anni nel distretto produttivo tessile della periferia, vivono tensioni nascoste e irrisolte. “Queste frizioni sembrano essere diminuite solo perché ultimamente non vengono strumentalizzate a fini politici o affrontate nel dibattito pubblico”, afferma il sociologo Fabio Bracci, spianando una potenziale strada ad una possibile “distensione integrativa” tra le due comunità.

 Ciò che si osserva tuttavia, ad oggi è altro: la piccola provincia italiana è una terra di nessuno in termini di cittadinanza e opportunità per la giovane generazione dei cinesi nati in Italia. Il Parlamento italiano non ha mai approvato la proposta di legge dello ius scholae, un testo costituzionale che avrebbe dato diritto di cittadinanza a tutti gli studenti stranieri che hanno frequentato uno o più cicli di apprendimento per almeno 5 anni nelle scuole appartenenti al sistema educativo nazionale. Una possibilità estesa anche ai minori non nati in Italia, ma entrati nel Paese entro i 12 anni di età. Una proposta legislativa che sarebbe stata in grado di creare inclusione per 877.000 alunni (il 10% dell’intera popolazione scolastica) con background migratorio che frequentano le scuole italiane, ma che sono ancora considerati “stranieri”. Il 65% di loro è nato nella Penisola ed è di fatto ‘straniero in patria’.

Ora, con il nuovo governo di destra guidato da Giorgia Meloni, la riforma della legge sulla cittadinanza non è più una priorità politica. “Che senso ha per me diventare italiana” – sottolinea Giorgia – “se la nazionalità cinese mi continua a dare più vantaggi amministrativi?“. Come Giorgia, la pensano allo stesso modo anche Monica, Sofia, Teresa, Kelly, altre ragazze cinesi che vivono e studiano a Prato. Le sue parole, tuttavia, entrano leggermente in contrasto con quelle della compagna di banco Angela Ye, una liceale cinese anche lei nata in Italia e disposta a confrontarsi con la possibilità di cambiare nazionalità. “Forse in futuro” – ammette – “ma prima dovrei cambiare la concezione che ho di me stessa, visto che per il momento mi sento più cinese che italiana“. La sua cultura e lingua cinese, che la circondano quotidianamente, purtroppo sono ancora più forte del suo processo di interazione sociale ed integrazio…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.