Per definizione assoluta contro. Frank Zappa, a trent’anni dalla scomparsa.

Cercare una definizione di genio che si adatti a Frank Zappa è impresa ardua. Per quanto ci si provi, ognuna apparirà riduttiva, incapace di descrivere con esattezza quanto è riuscito a produrre un personaggio che ha fatto delle divergenze le sue strade maestre, che ha reso le traiettorie impossibili una consuetudine vertiginosa.
Frank Zappa

La musica di Frank Zappa è implacabilmente senza confini, non c’è ambito che non abbia esplorato, dentro cui non abbia portato quella follia – solo in apparenza – scomposta di cui diventa sommo vate. E forse l’inquieta insofferenza per la gabbia, le categorie consuete, i confini convenzionali, sono proprio nel suo DNA meticcio, nell’asma che da piccolo gli toglieva il fiato, che lo spingeva a guardare oltre ogni paletto o recinzione, per respirare aria nuova, fresca. Nasce a Baltimora il 21 dicembre 1940, e nella sua famiglia ci sono italiani, greci, francesi, americani. Suo padre è un ingegnere chimico di Partinico che lavora per il governo americano. Un lavoro complicato che spinge tutta la famiglia a seguirlo nei suoi continui spostamenti. Ed anche qui c’è un probabile non riconoscersi del giovane Frank in niente in particolare, per aprirsi al tutto.

Viene folgorato sulla via di Damasco dall’ascolto delle melodie ardite di Edgard Varese, musicista sperimentale e modernissimo che lavora con i rumori, le composizioni più anarchiche ed alienanti. Varese sintetizza la sua ricerca in queste parole, e francamente è difficile non sovrapporle ad un ricordo di Zappa: “Diventai una sorta di diabolico Parsifal, alla ricerca non del Santo Graal, ma della bomba che avrebbe fatto esplodere il mondo musicale aprendo una breccia dalla quale tutti i suoi suoni avrebbero potuto penetrare, suoni che a quell’epoca – e a volte anche oggi – venivano chiamati rumori”.

Zappa prende le mosse dalle suggestioni di Varese sino ad eseguire versioni stralunate e dissacranti di pezzi celeberrimi (la sua Stairway to Heaven dei Led Zeppelin deve aver fatto sobbalzare dalla sedia Page e compagni), può cavalcare onde di note in un mare d’apparente bonaccia insieme a Jean Luc Ponty e riarrangiare le composizioni di un tal Francesco Zappa, violoncellista del diciottesimo secolo; può cantare Tengo ‘na minchia tanta e poi presentarsi in frac scuro coi risvolti rossi a dirigere la London Simphony Orchestra o a far suonare il suo Zio Bistecca dagli Ensemble Modern.

Chitarrista sorprendente, dotato di tecnica originale e raffinatissima, compositore e arrangiatore che occulta i dettagli mai casuali dei suoi lavori in una sorta di caos preordinato, in un costante desiderio di spiazzare, è capace di scritture eversive, sferzanti, ironiche, dissacranti, a tratti ricercatamente demenziali. Difficile tracciarne una discografia ragionata senza lasciare qualcosa fuor…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.