Israele puntava a una nuova Nakba da ben prima del 7 ottobre

Nella società e negli ambienti politici israeliani già un anno fa era molto diffuso il parere favorevole all’espulsione in massa dei palestinesi. Lo scempio in corso a Gaza non è una risposta agli attacchi del 7 ottobre: questo articolo, pubblicato il 19 aprile 2023 dalla rivista Jewish Currents, ne preconizzava l’attuazione, chiedendosi nel titolo “Israele sta programmando una nuova Nakba?”. La raccolta di numerose dichiarazioni di esponenti dell’establishment israeliano e il disvelamento dei loro piani fa capire che quanto accade oggi a Gaza e in Cisgiordania ha poco a che fare con Hamas.

Quando i rappresentanti del Governo di Benjamin Netanyahu spiegano il perché della loro spinta a indebolire la Corte Suprema di Israele, citano spesso le limitazioni che questa impone alla loro possibilità di punire i palestinesi. “Se voglio demolire le case dei terroristi, chi me lo impedisce?”, tuonava la deputata del partito Likud Tali Gottlieb durante un comizio filogovernativo tenutosi il 27 marzo 2023. “Chi mi impedisce di sottrarre i diritti alle famiglie dei terroristi?”. A ogni domanda seguiva la risposta della folla: “La Corte Suprema!”. Quando poi è arrivato il momento di salire sul palco per il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir, ecco che ha dato vita a un simile botta e risposta. “Quando volevamo introdurre la legge sulla pena di morte per i terroristi, chi si è messo in mezzo?”; “Quando abbiamo presentato una proposta per offrire l’immunità ai soldati, chi si è messo in mezzo?”. E la folla continuava a sbraitare: “La Corte Suprema!”.

Quando i palestinesi spiegano quale sia l’attuale agenda del governo israeliano, molti descrivono le politiche portate avanti da Gottlieb e Ben-Gvir come parte di una strategia più ampia: quella dell’espulsione di massa. All’inizio di marzo  (2023, ndr), l’attivista palestinese contro l’occupazione Fai Quran mi ha detto che si sentiva “come se ci trovassimo alla vigilia di un’altra Nakba” — il termine che fa riferimento all’espulsione forzata di circa 750.000 palestinesi dopo la nascita dello Stato di Israele. Lo scorso dicembre, quando il sondaggista Khalil Shikaki ha chiesto ai palestinesi in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza quali fossero secondo loro le future aspirazioni di Israele, il 65% ha indicato “l’estensione dei confini dello Stato di Israele in tutta l’area compresa tra il fiume Giordano e il mar Mediterraneo, oltre all’espulsione dei cittadini che abitano quelle terre”.

Nel dibattito politico americano mainstream, tale prospettiva risulta inimmaginabile. I rappresentanti del governo degli Stati Uniti non comprendono appieno la paura di un’altra Nakba dei palestinesi . Più spesso invece li trattano come un popolo che sarebbe già avviato verso l’indipendenza se solo evitasse azioni “controproducenti” — come la pretesa di una maggiore pressione internazionale su Israele — che “li allontana ulteriormente dalla soluzione di due Popoli due Stati”. Ma quando i palestinesi affermano che l’obbiettivo a lungo termine di Israele non sta nell’istituzione di uno Stato palestinese, bensì nella loro espulsione, non dicono una follia. La soluzione dell’espulsione è profondamente radicata nella storia sionista e riguarda una tendenza a tutt’oggi prevalente in Israele anche tra i politici e gli opinionisti considerati moderati. Gli attuali ministri della D…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.