Città del Messico e le lotte del ’68: Paco Ignacio Taibo II racconta l’importanza del Che e di Bob Dylan

In un libro di recente pubblicazione in Italia, lo scrittore ripercorre sul filo dei ricordi personali la stagione della contestazione sessantottina in Messico.

Il libro ’68 – Città del Messico: dalle lotte studentesche al massacro di Tlatelolco, tradotto per la prima volta in Italia da Mimesis, è un “memoir” dello scritto spagnolo, naturalizzato messicano, sulla stagione di contestazione in Messico, dalla nascita del movimento di protesta, con l’occupazione di scuole e università, fino alla repressione di Stato e al sanguinoso epilogo del 2 ottobre, con oltre duecento morti e centinaia di arresti. 
Taibo II, che era membro della Commissione sciopero nella facoltà di Scienze politiche, ritaglia nella sua memoria un collage di ricordi personali che disegnano i giorni esaltanti e tragici della ribellione. 
Su MicroMega+ pubblichiamo il capitolo dal titolo “Si racconta l’importanza del Che e di Bob Dylan per alcuni ma non per tutti”. 

******

Una parte della generazione di studenti che crearono il movimento del ’68, una piccola parte, non più di sette o ottomila su mezzo milione di studenti delle superiori e dell’università, si era formata in un brodo primordiale politico-culturale che possedeva la virtù della globalità. Quella follia totale comprendeva ogni singolo aspetto della vita. Aveva a che vedere con le letture, gli eroi, i miti, le rinunce, il cinema, il teatro, l’amore, l’informazione. Vivevamo attorniati dalla magia della rivoluzione cubana e dalla resistenza vietnamita. 

Il Che era l’uomo che aveva pronunciato la prima e l’ultima parola. Ci aveva condotto per mano, dai Passaggi della guerra rivoluzionaria a Il socialismo e l’uomo a Cuba, verso un dibattito etico che capivamo perfettamente. La sua morte nel 1967 ci lasciò un enorme vuoto che nemmeno il Diario di Bolivia riuscì a colmare. Era il fantasma numero uno. Quello che non c’era eppure c’era. Aleggiavano sulle nostre vite la voce, il personaggio, l’ordine fondamentale del “molla tutto e inizia a camminare”, il dialogo scherzoso, il progetto, la foto che ti guarda da ogni angolo, l’aneddoto destinato a crescere in un accumulo di informazioni che parevano senza fine, l’unico modo in cui espressioni degne di un bolero come “impegno totale” non suonavano ridicole. Soprattutto, però, il Che era il tizio che era ovunque persino dopo morto. Era il nostro morto. 

Leggevamo Howard Fast e Julius Fučik, Cortázar e Be…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.