La strada di Wigan Pier è lunga un secolo

Torna nelle librerie “La strada di Wigan Pier”, l’indagine che George Orwell realizzò nel 1936 sulle condizioni del proletariato inglese. Un documento di inestimabile importanza nel rivelare come il capitalismo, allora come oggi, riproponga le stesse dinamiche di sfruttamento.

Negli anni 30 del ‘900 il carbone era il fulcro del sistema industriale, il motore dello sviluppo economico. Il fuoco con cui riscaldare le case, far muovere i treni e arroventare gli ingranaggi delle fabbriche. In Gran Bretagna le cave carbonifere puntellavano la fascia settentrionale dell’isola. Qui, la classe operaia sbuffava polvere nera e viveva nelle spianate di cemento e legno degli slum. I minatori estraevano il combustibile fossile trascinandosi per chilometri nel ventre della terra di Sua Maestà. I turni di lavoro erano logoranti e lo stipendio ammontava a pochi scellini alla settimana.
Nel 1936 lo scrittore George Orwell volle sprofondare in questo gorgo di pietra e sudore e, su proposta dell’editore Victor Gollancz, realizzò un’inchiesta sulle condizioni del proletariato inglese. La strada che imboccò fu quella per il piccolo distretto minerario di Wigan Pier. E ne uscì fuori uno spaccato letterario, a tratti profetico per la futura lotta di classe, sul movimento operaio dell’epoca.

A 85 anni di distanza, le Edizioni Alegre danno alle stampe il diamante orwelliano, dato per disperso tra i cunicoli delle stamperie italiane. Nella collana Working class, diretta dallo scrittore Alberto Prunetti, autore, tra gli altri romanzi (o ibridi letterari, come da definizione), di Amianto – sempre Alegre – e Nel girone dei bestemmiatori: una commedia operaia – Editori Laterza. Lo scrittore toscano è anche il traduttore de La strada di Wigan Pier. “Generalmente la collana ospita le penne che provengono esclusivamente dalla working class. In questo caso, però, abbiamo fatto uno strappo alla regola per il valore letterario e storico dell’opera”, dice Prunetti a MicroMega.

La prefazione è di Wu Ming 4, membro dell’omonimo collettivo di scrittori. E l’esergo è una citazione de La situazione della classe operaia in Inghilterra di Friedrich Engels. Il punto da cui partire, necessariamente, per interpretare il tentativo dell’autore di 1984 di dare forma all’epopea dei lavoratori, come sottolinea Prunetti. “Orwell straccia la propria conoscenza libresca del mondo operaio e si immerge, mani e piedi, nelle contraddizioni di classe. La forza della sua operazione è smontare la caterva di stereotipi che circolano. Incrostazioni, peraltro, che porta lui stesso. Alcune volte le enfatizza, altre volte le analizza e le demolisce”, afferma.

Nelle prime pagine della sua indagine, George Orwell veste i panni del giornalista. Il lavoro sul c…

A Hebron è in vigore l’oppressione permanente dei palestinesi

Dalle punizioni collettive alle tecniche di sorveglianza e riconoscimento facciale,  passando per le “sterilizzazioni” delle strade dalla presenza palestinese come le chiamano i soldati, ogni “misura temporanea di sicurezza” che istituzioni e coloni israeliani testano su Hebron diventa poi uno strumento d’oppressione permanente imposto sull’intera Cisgiordania. Per usare le parole di Issa Amro, leader della resistenza non violenta nella regione, Hebron è il “laboratorio dell’occupazione”.

“Israelism”, la rivolta dei giovani ebrei negli USA contro l’indottrinamento sionista

Il film di Sam Eilertsen ed Erin Axelman “Israelism”, proiettato recentemente in Italia, racconta il processo di presa di coscienza di una intera generazione di ebrei americani cresciuti fin da bambini in un ambiente di ferreo indottrinamento al culto di Israele e alla propaganda sionista. Finché molti di loro, confrontandosi con la realtà dei palestinesi attraverso viaggi sul posto o nei campus universitari, non capiscono di essere stati spinti ad annullare la loro ebraicità nella fede cieca in un progetto etnonazionalista.

Basta con le Identity politics: non conta se sei oppresso ma se combatti l’oppressione

Nella sinistra postmoderna il discorso sull’oppressione tende a ridursi al punto di vista della vittima. Gli oppressi vengono collocati all’interno di un gruppo indifferenziato la cui unica cifra è l’oppressione stessa. Questo atteggiamento porta ai giudizi ad hominem, poiché non contano tanto le idee ma la posizione in cui si colloca chi le esprime: se non sei un oppresso, non puoi parlare di emancipazione. Se sei un “vecchio uomo bianco”, tenderai sempre e solo a voler mantenere i tuoi privilegi. Le discussioni su chi ha il diritto di parola dovrebbero però lasciare il posto alle discussioni su che cosa ha da dire.