Ribellione o estinzione

Nell’ultima opera di Luigi Ferrajoli, “Per una Costituzione della Terra. L’umanità al bivio”, il filosofo del diritto presenta per la prima volta un completo progetto di costituzione globale. Una concreta risposta politico-giuridica alle drammatiche questioni che mettono in pericolo sempre più da vicino l’esistenza della specie umana.

L’umanità è al bivio.

Forse per la prima volta nella storia, ci troviamo di fronte alla drammatica e impellente necessità di decidere tra una prossima estinzione di massa e un radicale cambiamento degli schemi mentali ormai ossificati e degli assetti sociali da tempo fossilizzati.

Non possiamo lamentare l’imprevedibilità dell’alternativa; profeti della prima ora avevano già annunciato – inascoltati – il grido d’allarme per il «rischio corso sulla Terra per via dell’aria, del tempo o del clima intesi come sistema globale e condizione generale di sopravvivenza»[1], invocando perciò un drastico mutamento filosofico e al contempo giuridico: in primo luogo il passaggio dalla logica del brevissimo termine, del qui e oggi, a quella del lungo termine tale da abbracciare le future generazioni in un’ottica trans-temporale; in secondo luogo il rovesciamento dell’ordine giuridico moderno basato sul contratto sociale, sostituendo al rapporto di dominio dell’essere umano sulle forze della natura [polis versus physis] il “contratto naturale”, ovvero
«la stipulazione di un contratto naturale di simbiosi e di reciprocità in cui il rapporto con le cose lascerebbe dominio e proprietà per l’ascolto ammirativo, la reciprocità, la contemplazione e il rispetto, in cui la conoscenza non presupporrebbe più la proprietà, né l’azione il dominio»[2]. Si trattava di un nuovo contratto, antitetico rispetto a quello rousseauiano, che avrebbe dovuto sancire l’interazione tra viventi, e dunque tra nuovi soggetti del diritto, in un contesto terrestre globale.

Su questo terreno affonda le radici il movimento di pensiero denominato “Costituente Terra. La storia continui” di cui l’ultima fatica di Luigi Ferrajoli, Per una Costituzione della Terra. L’umanità al bivio (Feltrinelli, 2022) rappresenta l’espressione più profonda e matura, allo stesso tempo innovativo manifesto politico e concretissima proposta tecnico-giuridica di costituzione globale.

Si parte dall’analisi delle cinque emergenze e delle catastrofi globali che hanno già fatto ingresso nella vita quotidiana dell’umanità[3].

  1. Il riscaldamento climatico, generato da uno sviluppo economico ecologicamente insostenibile la cui logica esclusivamente “estrattiva” sta conducendo a un dominio distruttivo sulla natura, con l’umanità trasformatasi in una sorta di «metastasi che avvolge il pianeta, mettendone a rischio, in tempi non lunghissimi, la stessa vivibilità»[4].
  2. Le guerre e le minacce alla pace generate dalla produzione e dalla detenzione di armi sempre più micidiali, con la diffusione sia di nuove guerre di aggressione sia di nuovi armamenti, anche di distruzione di massa.
  3. Le massicce violazioni dei diritti umani provocate, nella maggior parte del pianeta, da regimi dispotici che hanno soppresso le libertà fondamentali, e che si pongono …

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.