Aspartame possibilmente cancerogeno, come si arriva alla decisione

L'aspartame è stato recentemente dichiarato come possibile sostanza cancerogena dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e più in particolare dalla IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro). Ma qual è il procedimento scientifico che porta una sostanza a essere considerata tale? Diventa importante capirlo per evitare sia allarmismi sia sottovalutazioni, comprendendo la complessità di simili processi per affidarsi alla comunità scientifica rifuggendo le tentazioni di giudicare in prima persona.
aspartame

La recente decisione dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), e più in particolare della IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro), di considerare l’aspartame come possibile cancerogeno è destinata ad avere ampia risonanza. Non solo per i presumibili allarmismi che seguiranno, come comunemente accade in tutte le storie dove un oggetto comune e ampiamente utilizzato diventa improvvisamente “tossico”, ma anche per le implicazioni economiche di questa scelta. Si tratta in parte di un copione già visto più e più volte (non è difficile tornare con la memoria a quando la carne rossa seguì un simile destino) e che fa leva da un lato sulla complessità dei meccanismi per i quali una sostanza entra nel novero di quelle che “fanno male”, dall’altro su meccanismi innati di paura che questi argomenti sollevano nel pubblico.

Ad essere precisi, più che a una sostanza bisognerebbe riferirsi a un agente, concetto che permette di includere i molti fenomeni che hanno effetto cancerogeno anche senza essere assunti (come ad esempio lavorare in fonderia).

Non è però così difficile capire come mai un agente entra in una lista che ha tra le parole del titolo “cancerogeno”, e soprattutto quali sono le precauzioni sensate che i consumatori possono adottare per evitare rischi ma senza minimizzare né sovrastimare.

Si può dire che esistono tre livelli gerarchici di decisioni che le sostanze affrontano prima di essere dichiarate pericolose da una grande agenzia internazionale.

Il primo è quello dei tanti gruppi di ricercatori che lavorano nelle università e negli ospedali di tutto il mondo, i quali esaminano incessantemente gli effetti sulla salute di praticamente ogni agente con cui si può entrare in contatto sul nostro pianeta in studi cosiddetti epidemiologici. Dal punto di vista concettuale, il loro lavoro è semplice: vedere se in presenza di una certa sostanza gli organismi si ammalano prima o di più di una certa malattia. Ci sono più problematiche concomitanti che però da subito trasformano questa semplice intenzione in un’impresa abnorme. Innanzitutto, l’insieme delle “malattie” è qualcosa di davvero enorme. Alcune si sviluppano subito, altre possono metterci decenni, come nel caso di molti tipi di cancro. I pazienti poi non sono in numero certo infinito, molto spesso il campione di casi su cui basare le evidenze è limitato. Infine, i pazienti stessi presentano una complessità di fattori che rendono difficile evidenziare causa ed effetto. Se ho una paziente con un cancro alla…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.