I grandi dischi del 1973

Il 1973 fu un anno di immensa musica in cui uscirono dischi grandiosi, e dischi fra i più grandiosi dei dischi grandiosi. Ecco un elenco critico di 10 album, equamente ripartito: 5 grandi dischi internazionali, 5 grandi dischi italiani.
grandi dischi del 1973

Se il 1972 è stato per la musica anno mirabile, per la logica dei grandi numeri non ci si sarebbe attesi che il 1973 lo fosse altrettanto. Magari qualche cosetta interessante, ma tante insieme era difficile da prevedere. Così com’è difficile scegliere tra i portentosi vinili che cinquant’anni fa hanno fatto il botto più degli altri. Dunque, selezioniamone una decina, con la consapevolezza di tagliarne fuori molti degni d’essere ricordati senza se e senza ma. Inoltre, poiché anche in Italia le cose non andarono affatto male, la metà li prendiamo da casa nostra.

Cominciamo subito col disco dei dischi, The dark side of the moon, capolavoro dei Pink Floyd da cinquanta milioni di copie vendute, record imbattuto di permanenza nelle parti alte delle classifiche. A dispetto dello scontro mai sopito al calor bianco tra Roger Waters e David Gilmour, è disco corale dove persino i “comprimari” Nick Mason e Richard Wright non paiono tali. Lasciano il segno pure gli ospiti occasionali: Clare Tory regala al mondo intero il solo vocale da brividi di The Great Gig in the Sky, Dick Parry col sax costruisce un ricamo melodico cangiante. Le liriche – pure il titolo dell’album, invero, che ha assai poco a che vedere con dettagli astronomici – parlano di follia, della schiavitù imposta dal denaro, di tempo che passa, d’ansia, rievocano il vecchio Syd Barrett. Il disco, registrato con le tecnologie più avanzate del tempo, – tecnico del suono è un tale Alan Parsons, al missaggio c’è Chris Thomas, già produttore di roba come il White Album dei Beatles – si può ascoltare in ascensore, davanti al caminetto con sigaro e bicchiere di whisky, ballare, può accompagnare un viaggio in auto e, nel complesso, pare difficile trovare una situazione dove non andrebbe bene metterlo su. Nel cinquantesimo anniversario della sua uscita è stato mirabilmente remixato grazie ad un provvisorio cessate il fuoco tra Gilmour e Waters.

Senza spostarci troppo dal genere, troviamo Selling England by the Pound, quello che probabilmente è il miglior album dei Genesis, certamente quello che con Peter Gabriel alla voce (ma anche all’oboe, al flauto, alle percussioni) ha venduto di più. Il resto della band è composto da Steve Hackett, chitarra; Mike Rutherford, chitarra, basso e sitar elettrico; Tony Banks, tastiera e chitarra; Phil Collins, batteria, percussioni, oltre a prendersi pure uno spazio vocale in More Fool Me che chiude il la…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.