I grandi dischi del 1973

Il 1973 fu un anno di immensa musica in cui uscirono dischi grandiosi, e dischi fra i più grandiosi dei dischi grandiosi. Ecco un elenco critico di 10 album, equamente ripartito: 5 grandi dischi internazionali, 5 grandi dischi italiani.
grandi dischi del 1973

Se il 1972 è stato per la musica anno mirabile, per la logica dei grandi numeri non ci si sarebbe attesi che il 1973 lo fosse altrettanto. Magari qualche cosetta interessante, ma tante insieme era difficile da prevedere. Così com’è difficile scegliere tra i portentosi vinili che cinquant’anni fa hanno fatto il botto più degli altri. Dunque, selezioniamone una decina, con la consapevolezza di tagliarne fuori molti degni d’essere ricordati senza se e senza ma. Inoltre, poiché anche in Italia le cose non andarono affatto male, la metà li prendiamo da casa nostra.

Cominciamo subito col disco dei dischi, The dark side of the moon, capolavoro dei Pink Floyd da cinquanta milioni di copie vendute, record imbattuto di permanenza nelle parti alte delle classifiche. A dispetto dello scontro mai sopito al calor bianco tra Roger Waters e David Gilmour, è disco corale dove persino i “comprimari” Nick Mason e Richard Wright non paiono tali. Lasciano il segno pure gli ospiti occasionali: Clare Tory regala al mondo intero il solo vocale da brividi di The Great Gig in the Sky, Dick Parry col sax costruisce un ricamo melodico cangiante. Le liriche – pure il titolo dell’album, invero, che ha assai poco a che vedere con dettagli astronomici – parlano di follia, della schiavitù imposta dal denaro, di tempo che passa, d’ansia, rievocano il vecchio Syd Barrett. Il disco, registrato con le tecnologie più avanzate del tempo, – tecnico del suono è un tale Alan Parsons, al missaggio c’è Chris Thomas, già produttore di roba come il White Album dei Beatles – si può ascoltare in ascensore, davanti al caminetto con sigaro e bicchiere di whisky, ballare, può accompagnare un viaggio in auto e, nel complesso, pare difficile trovare una situazione dove non andrebbe bene metterlo su. Nel cinquantesimo anniversario della sua uscita è stato mirabilmente remixato grazie ad un provvisorio cessate il fuoco tra Gilmour e Waters.

Senza spostarci troppo dal genere, troviamo Selling England by the Pound, quello che probabilmente è il miglior album dei Genesis, certamente quello che con Peter Gabriel alla voce (ma anche all’oboe, al flauto, alle percussioni) ha venduto di più. Il resto della band è composto da Steve Hackett, chitarra; Mike Rutherford, chitarra, basso e sitar elettrico; Tony Banks, tastiera e chitarra; Phil Collins, batteria, percussioni, oltre a prendersi pure uno spazio vocale in More Fool Me che chiude il la…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.