Vaticano e Terzo Reich, 90 anni fa il Reichskonkordat

Il 12 settembre 1933 Hitler firmava la legge di ratifica del Concordato tra Vaticano e Terzo Reich, che da parte della Chiesa cattolica fu fortemente promosso dal futuro Papa Pio XII. Un concordato in vigore ancora oggi e che esercita la sua influenza su alcune sfere della vita pubblica tedesca, come quella relativa ai contributi statali alle Chiese.
Vaticano e Terzo Reich

Di recente in Germania una donna ha perso il lavoro in un asilo nido; la motivazione dell’improvviso licenziamento è il fatto che la donna in questione avesse deciso di abbandonare l’Chiesa evangelica.[1] Questo tipo di licenziamenti non sono rari in Germania e sono possibili quando queste strutture sono gestite da enti ecclesiastici, anche se per lo più finanziati da fondi statali.

La Costituzione federale tedesca stabilisce che le comunità religiose gestiscano “in modo autonomo i propri interessi, nei limiti delle leggi generali” (art. 137 della Costituzione di Weimar incluso nella Costituzione attuale all’articolo 140). Tuttavia, nella realtà, ci sono molte disposizioni legislative che favoriscono le Chiese, consentendo loro di andare sostanzialmente oltre questi limiti. Ad esempio, l’articolo 9 della cosiddetta “Legge contro le discriminazioni” stabilisce che tale legge, che dovrebbe proteggere dalla discriminazione, non trova applicazione nel contesto degli enti ecclesiastici. Ciò rende possibili per questi ultimi licenziate un lavoratore a seguito dell’abbandono dalla Chiesa o per aperta manifestazione della propria omosessualità (cosiddette “violazioni della lealtà”), licenziamenti che se comminati da altri datori di lavoro sarebbero illegali in quanto discriminatori.

Il diritto costituzionale religioso tedesco non è codificato in un singolo corpo legislativo. Esso si insinua come una ragnatela attraverso molte leggi, contratti e accordi. Nodo fondamentale di questa ragnatela è un trattato firmato nel luglio 1933 fra il Terzo Reich di Hitler e il Vaticano, l’unico accordo internazionale risalente al periodo nazista ancora valido: il cosiddetto Reichskonkordat.

Il carattere giuridico degli “accordi tra Stato e Chiese” non è chiaramente definito. Vengono talvolta descritti come contratti sui generis (di tipo speciale), talaltra considerati alla stregua di trattati “di natura sovranazionale” (il che riflette la visione delle religioni secondo cui la legge religiosa è superiore alla legge laica). AI concordati con il Vaticano si attribuisce di norma un carattere analogo al diritto internazionale.

Nessun Concordato con Weimar

Dato che la Cost…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.