Lech Wałęsa, 80 anni in tono minore nella Polonia autoritaria

Il 29 settembre l’ex leader di Solidarność compie 80 anni. Un evento importante per l’uomo che più di ogni altro ha fatto la storia della Polonia nella seconda metà del Novecento, che però non godrà di alcuna celebrazione pubblica. Per Wałęsa, uomo di compromessi, non c’è infatti posto nell’attuale Polonia di Kaczyński, populista e autoritaria.

Nel 2013, in occasione del 70° compleanno di Lech Wałęsa, le Poste polacche avevano emesso un francobollo commemorativo. L’imminente 80° compleanno del leader di Solidarność, icona della libertà e del rovesciamento della dominazione sovietica nell’Europa orientale, si svolge invece senza alcuna celebrazione statale, nemmeno delle dimensioni di un francobollo.

Quello del riconoscimento del ruolo di Lech Wałęsa nell’evento più importante della seconda metà del XX secolo europeo è uno dei sacrifici palesi posti sull’altare della nuova versione della storia polacca scritta dal partito di destra che ha governato la Polonia negli ultimi otto anni (dal 2015).

Presunto collaboratore dei servizi segreti

La prossima revisione del libro di testo per gli scolari polacchi, commissionata dallo Stato, conterrà informazioni sulla collaborazione di Wałęsa con la polizia segreta comunista negli anni Settanta, prima che assumesse la sua posizione storica come leader del sindacato Solidarnosc. È probabile che dopo il sanguinoso massacro dei lavoratori da parte delle autorità comuniste a Danzica nel dicembre 1970, il giovane Lech Wałęsa firmò dei documenti sotto lo pseudonimo di “Bolek”. Tuttavia, i documenti mostrano che per i successivi sei anni cercò di sottrarsi a questa cooperazione. Lo ha fatto in modo efficace ma le “sfumature” come la correzione di Wałęsa alla decisione presa durante i disordini, in cui molti hanno perso la vita non saranno sviluppate nel nuovo libro di testo.  

Un uomo di speranza

Intanto la sua leggenda è una di quelle che raccontano di persone che non nascono leader ma ci diventano. Facendo affidamento sull’intuizione così come sugli errori, prendendo alla fine le decisioni giuste che di solito richiedono l’arguzia e il coraggio che mancano agli altri.

Lech Wałęsa proviene da un piccolo villaggio nel cuore della Polonia devastato dalla Seconda Guerra Mondiale. Suo padre morì a causa delle ferite riportate in un campo di lavoro tedesco quando Lech aveva 2 anni (1945). Anche se la vita non lo aveva preparato formalmente a diventare un’icona mondiale, le sue umili origini contadine si rivelarono sufficienti a conferirgli il carisma e la saggezza di un tribuno popolare.

È noto che scalò i cancelli dei cantieri navali di Danzica per parlare ai lavoratori in sciopero, che si opponevano al futuro di un Paese povero, al grigiore della democrazia socialista controllata dai sovietici e alle assurdità della vita sociale b…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.