Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Jimmy Page, gli 80 anni di un mito del rock

Da oltre mezzo secolo, il nome di Jimmy Page è indissolubilmente legato a quello della sua band principale, i Led Zeppelin, gruppo che ancora oggi continua ad essere uno dei più amati ed influenti della storia del Rock. Ne ripercorriamo qui la carriera per comprendere come nacque il mito di un artista destinato a diventare un'icona nell'affollato panorama musicale contemporaneo.

L’infanzia e l’inizio della carriera musicale
Jimmy Page, nome d’arte di James Patrick Page, nacque ad Heston, un quartiere di Hounslow, Londra, il 9 gennaio del 1944. Suo padre, l’inglese James Patrick Page, era un addetto delle risorse umane, mentre sua madre, Patricia Elizabeth Gaffikin, aveva origini anglo-irlandesi e lavorava come segretaria.

Il giovane Page iniziò a suonare la chitarra e ad avvicinarsi alla musica intorno al 1957, all’età di 13 anni. Ebbe modo di studiare con il session man “Big” Jim Sullivan, il quale, curiosamente, fu anche il mentore di Ritchie Blackmore, chitarrista di band altrettanto storiche quali Deep Purple e Rainbow. Le influenze musicali di Page sono vaste e spaziano dal Rockabilly di artisti come –, James Burton, Scotty Moore e naturalmente Elvis Presley, passando poi per il Folk – tra gli altri – di Bert Jansch e John Renbourn, fino ad arrivare al Blues dei grandi Robert Johnson, B.B. King ed Elmore James. Sarà infatti soprattutto il Blues ad influenzare pesantemente la musicalità del chitarrista, il quale, in ogni caso, saprà creare un proprio stile, perfettamente personale e riconoscibile.

Raggiunti i 16 anni, Jimmy Page abbandonò definitivamente la scuola per dedicarsi all’attività musicale. In questo periodo ebbe modo di collaborare con artisti come il poeta Royston Ellis ed il cantante Red E. Lewis.

Una prima vera svolta, nel suo percorso artistico, arrivò poco dopo, quando il cantante Neil Christian gli chiese di unirsi alla sua band. Per il giovane Page iniziò dunque un periodo di lunghe tournée e di incisioni in studio (ebbe infatti modo di suonare in diversi album di Christian, oltre che nel singolo The Road To Love, uscito alla fine del 1962). Durante i continui tour, tuttavia, il chitarrista contrasse la mononucleosi infettiva e fu costretto a interrompere la sua carriera musicale. In questo periodo lontano dalla musica, decise di dedicarsi alla pittura (altra sua grande passione) e di iscriversi dunque al Sutton Art College, nella contea di Surrey.

L’amore per la musica, in ogni caso, non smise di ardere e, contemporaneamente alla sua formazione pittorica, Page continuò a suonare in qualità di turnista per diversi gruppi e artisti quali Cyril Davis All Stars, Alexis Korner’s Blues Incorporated e, addirittura, anche con chitarristi già affermati come Jeff Beck ed Eric Clapton.

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.