A Hebron è in vigore l’oppressione permanente dei palestinesi

Dalle punizioni collettive alle tecniche di sorveglianza e riconoscimento facciale,  passando per le “sterilizzazioni” delle strade dalla presenza palestinese come le chiamano i soldati, ogni “misura temporanea di sicurezza” che istituzioni e coloni israeliani testano su Hebron diventa poi uno strumento d’oppressione permanente imposto sull’intera Cisgiordania. Per usare le parole di Issa Amro, leader della resistenza non violenta nella regione, Hebron è il “laboratorio dell’occupazione”.

Erano passate solo poche ore dall’inizio dell’attacco di Hamas nel sud di Israele, il 7 ottobre scorso, quando Issa Amro, tra i leader della resistenza non violenta nella Cisgiordania occupata, è stato circondato da soldati e coloni armati all’ingresso di casa sua e arrestato. “Sono stato portato in una base militare vicina, dove mi hanno torturato e violentato per dieci ore” racconta Amro, mentre guarda l’orizzonte dalla sua casa nel cuore della città vecchia di Hebron. Le ferite subite hanno causato danni permanenti ai nervi che richiederanno un intervento chirurgico. “Non mi aspettavo di sopravvivere – continua Amro –;dopo avermi rilasciato, l’esercito israeliano ha imposto due settimane di coprifuoco totale nell’area dove vivo, impedendo ai residenti di procurarsi acqua e cibo.” Amro abita nella zona H2 di Hebron, l’unica realtà nella Cisgiordania occupata in cui la presenza di coloni è all’interno del centro urbano palestinese e non nelle valli circostanti. “È sempre più difficile stare in questa parte della città se sei palestinese – spiega indicando le varie aree dove si trovano gli insediamenti illegali ebraici –. A Hebron sono i coloni che dettano la legge. Dall’inizio della guerra la popolazione palestinese esce raramente dalle proprie abitazioni a causa delle continue vessazioni per mano dei coloni armati, a questo si aggiungono i rastrellamenti sempre più frequenti dell’esercito israeliano”.  

Tra i leader della lotta palestinese non violenta, Issa Amro è uno dei pilastri. È il principale organizzatore della campagna internazionale per la riapertura di via Shahada, oggi una strada vuota con centinai di negozi chiusi, dove viene negato il passaggio ai palestinesi “per motivi di sicurezza” ma che fino agli anni Novanta era la via del commercio più colorata di Hebron. Amro, 44 anni, ha trascorso gran parte della sua esistenza a denunciare gli effetti nefasti degli accordi “temporanei” firmati nel 1997 dal leader palestinese Yasser Arafat e dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu per la spartizione della città nei settori H1 – l’80% del territorio, sotto il controllo dell’Autorità Nazionale Palestinese – e H2, il restante 20%, sotto l’amministrazione israeliana. Di temporaneo però non c’è nulla in Cisgiordania ed Hebron non fa eccezione: qui la colonizzazione perdura indisturbata dal 1967. Circa 20.000 palestinesi e 800 coloni israeliani vivono nella zona H2 della città: questi ultimi sono protetti dal massiccio controllo militare israeliano. Vicino ad una Hebron viva, un po’ caotica ma accogliente, c’è una Hebron “fantasma”, per usare le parole di Amro. Sbarre, reti, filo spinato, torri di controllo, checkpoint, militari con armi cariche sparsi tra le strade e sui tetti delle case palestinesi, assediano giorno e notte la città.

“Dal 7 ottobre, non c’è più legge – prosegue Amro –. I soldati ci trattano come animali, le nostre vite non hanno valore, sparano alle persone senza motivo. L’ho detto e lo ribadisco, sono contro l’uccisione di ogni civile, la mia resistenza all’apartheid e all’occupazione militare è non violenta, ma è evidente che l’esercito israeliano sia in guerra con il popolo palestinese tutto, senza differenze, Hamas non è lo scudo dietro il quale nascondersi per portare avanti deliberatamente il processo di colonizzazione della Palestina”. Sebbene la chiusura totale che ha stretto la zona H2 di Hebron dopo il 7 ottobre si sia ultimamente [FD1] attenuata, in diversi quartieri della città i palestinesi non possono ancora uscire dopo le 18.30 dalla domenica al giovedì né lasciare le loro case il venerdì e il sabato. Le forze israeliane hanno aggiunto nuove recinzioni che bloccano gli spostamenti dei palestinesi all’interno della città e designato nuove strade accessibili s…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.