Nuova questione morale: la sinistra e il fantasma di Berlinguer

A sinistra si continua a citare Berlinguer e a sbandierare il tema della questione morale. Ma i recenti fatti che hanno travolto la giunta regionale di Michele Emiliano ci ricordano che nel sistema Italia il marcio è diffuso ovunque, a partire dalle realtà locali. Non si può risanare tutto il sistema politico nel suo complesso ma a sinistra ci si può impegnare partendo da casa propria, cercando di costruire un nuovo autentico soggetto progressista anziché puntare ai “campi larghi”.

A furia di citare sempre il povero Enrico Berlinguer e la sua famosa intervista a Eugenio Scalfari per fare bella figura sulla questione morale, si finge di dimenticare che dal 1981 (anno dell’intervista) a oggi non esiste quasi più niente di quel mondo e di quel contesto: non esistono più persone prima che leader come Berlinguer; votare un partito piuttosto che un altro non cambia più i destini come una volta; la politica che pure non mancava di degenerazioni allora aveva il primato, mentre oggi è impotente di fronte alla finanziarizzazione dell’economia e al potere delle lobby; non esiste più nemmeno la Repubblica di Scalfari. Niente è più come prima ma nulla è cambiato. L’Italietta dei voti comprati (“lady preferenze” Anita Maurodinoia e l’ex assessore Pisicchio in Puglia), dei voti mafiosi (la ’ndrangheta che in Piemonte avrebbe ottenuto gli appalti per i lavori autostradali della Torino-Bardonecchia), degli scambi di favori, appalti, nomine, della gestione clientelare del consenso elettorale non è cambiata; anzi, vive e vegeta insieme a noi. È l’Italietta dell’economia che galleggia tra evasione e corruzione, sempre esistita, il primo segreto di Pulcinella di questa storia. Perché che le inchieste di Bari e Torino (che hanno coinvolto esponenti del Pd) e quella di Palermo (con esponente di Fdi arrestato per voto mafioso) siano soltanto una millesima parte di un sistema diffuso, che dai tempi di Mani Pulite ha cambiato i modi, le forme ma non le mani sporche sulla politica, soprattutto nelle amministrazioni locali sia al Nord che al Sud, lo sanno tutti coloro che vivono nella realtà italiana.

“Mercimonio delle pubbliche funzioni”

I partiti come “macchine di potere e di clientela” – diceva Berlinguer – con una “scarsa o mistificata conoscenza della vita e dei problemi della società e della gente”, che gestiscono “interessi talvolta anche loschi, comunque senza alcun rapporto con le esigenze e i bisogni umani emergenti oppure distorcendoli senza perseguire il bene comune”. O, per dirla con le parole del Gip di Bari, il “mercimonio delle pubbliche funzioni piegate a vantaggio personale e privato”. Beninteso, che il fenomeno sia diffuso a macchie lo sappiamo, che non tutta la politica e per fortuna non tutte le amministrazioni locali siano così anche. Ma che marciume del genere emerga anche da giunte regionali come quella di Michele Emiliano, che ha il contrasto alla mafia nella sua biografia, la dice lunga sul sistema Italia. Del resto, chiunque sappia come funzionino le elezioni locali, ha visto e sentito in alcune zone di strade asfaltate prima delle elezioni davan…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.