La primavera del diritto del lavoro

Cosa sta accadendo nel mondo del diritto? Una serie di pronunce innovatrici della Corte di Cassazione sta recentemente riformando dall’interno il diritto del lavoro, nonostante la cronica assenza del legislatore. In questo breve viaggio nel tunnel del dominio neoliberista, tra masse di “imprenditori di sé stessi” e Grandi Dimissioni, una luce appare in lontananza.

Primi segnali di cambiamento?

Qualcosa sta cambiando nel mondo del diritto del lavoro.

Dopo oltre un ventennio di “controriforme” legislative ispirate dal dogma della “flessibilità” e della “moderazione salariale”, diligentemente applicate dalla magistratura del lavoro nella sua funzione di Bois de Lois, alcune potenti scosse si registrano sul terreno giuridico, solo all’apparenza saldo e immutabile.

Lo sconfortante panorama di un deserto fatto di lavoro povero e di precarietà, unito al naturale sentimento di indignazione[1] per il totale disfacimento della civiltà dei diritti faticosamente costruita nei trent’anni gloriosi del dopoguerra, sembra aver influenzato anche una buona parte della magistratura del lavoro che, sotto l’egida del principio di effettività (ovverosia dell’effettiva applicazione dei diritti fondamentali derivanti dall’ordinamento costituzionale, europeo e internazionale), sta di fatto letteralmente “picconando” le colonne portanti del molochneoliberista.

Prima di analizzare i caratteri di questo recentissimo fenomeno, è il caso di portare indietro le lancette, ai tempi in cui il neoliberismo imponeva con il tallone di ferro il proprio dominio.

  1. Dominio

Abbiamo parlato di dominio non a caso, volendo riprendere in questo modo la felice espressione utilizzata,[2] alcuni anni orsono, per definire il carattere dell’apparato ideologico alla base di quell’autentica “rivoluzione restauratrice” introdotta a partire dalla fine degli anni Settanta dal neoliberalismo.

Attraverso una vera e propria contro-intellighèntsia, l’ideologia imperante nel passaggio dal “secolo breve” al nuovo millennio ha creato un apparato fatto di fondazioni, associazioni, università, riviste, giornali, televisioni e siti Internet che hanno rapidamente conquistato, manu militari, il potere ideologico a livello globale, creando un pensiero unico basato su pochi concetti-chiave tanto illusori quanto persuasivi.

In primo luogo, tutto è capitale, in quanto dotazione materiale o immateriale di proprietà

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.