Il risveglio del fascismo in Polonia

In Europa torna lo spettro del fascismo, come se la Seconda guerra mondiale non fosse mai avvenuta. È il caso della Polonia di oggi, dove assistiamo a una pericolosa rinascita del virulento nazionalismo degli anni Trenta e la Chiesa cattolica e l’attuale governo sono grandi alleati dell’estrema destra.

Non sono sicura che sia stata solo la mia generazione – nata poco dopo la Seconda guerra mondiale – a credere che il fascismo fosse stato totalmente sconfitto. Eravamo convinti che la lezione fosse stata appresa e che davanti a noi ci fosse un progresso lineare; era inimmaginabile che qualcuno difendesse una simile ideologia. Tutti i regimi europei (tranne quello di Franco) erano antifascisti, anche gli ex fascisti fingevano di essere qualcos’altro. Se ciò era ipocrita, si trattava di sincera ipocrisia. La sua rinascita sembrava inconcepibile. Eppure, oggi, in tutta Europa assistiamo al risveglio del fascismo nelle sue varianti nazionali. Inoltre, questa sua rinascita è aperta e sfacciata. Come se la Seconda guerra mondiale non fosse mai avvenuta.

Dopo il conflitto, le forme “indigene” di fascismo o nazismo covavano sotto la superficie in Italia e in Germania, ma non nei Paesi dell’Europa orientale distrutti tra il 1939 e il 1945 dall’occupazione nazista. Naturalmente, questi Paesi erano sotto l’influenza sovietica e l’antifascismo era d’obbligo. Oggi in almeno uno di essi – la Polonia – ci sono gruppi di persone che ripropongono il saluto nazista e festeggiano il compleanno di Hitler.

Queste forme di fedeltà sono minoritarie, la loro natura paradossale: la loro adorazione della nazionalità polacca va di pari passo con l’affiliazione a reti xenofobe internazionali che disprezzano non solo ebrei, “zingari” e musulmani, ma anche gli slavi. Sotto la maschera dell’anticomunismo, i loro aderenti attaccano le minoranze e i democratici e fanno rivivere, da quei “veri patrioti” che sono, la tradizione dei simboli e delle organizzazioni fasciste polacche prebelliche. Tale rinascita include anche il patto con la Chiesa cattolica. La gigantesca benedizione annuale degli xenofobi polacchi da parte dei sacerdoti paolini nel luogo cattolico più sacro della Polonia – Jasna Góra – è uno spettacolo da vedere. In quell’occasione essi si impegnano solennemente a difendere Maria, Madre di Dio e suo Figlio, Gesù Cristo, intronizzato come Re di Polonia.

Oltre alla Chiesa cattolica, un altro grande alleato dell’estrema destra è l…

Mani che curano: il lavoro delle “badanti” sfruttato e segregato

Il lavoro delle “badanti”, così chiamate con termine inadeguato e sminuente, è solo una delle sfaccettature di un fenomeno di sfruttamento e segregazione delle donne straniere, che affonda le radici negli anni Ottanta quando è cominciata la privatizzazione del lavoro di cura che, oggi, si regge quasi esclusivamente sulla disponibilità di forza lavoro migrante a basso costo.

Un asinello di Buridano: il PD è da sempre al bivio fra comunitarismo e socialismo

È bene interrogarsi sulle cause teoriche alla base del disastro del Partito Democratico, specialmente quando gli (auto)candidati alla nuova segreteria eludono sistematicamente questo piano. Fin dalla partenza infatt il disastro del PD è stato rimanere fermo, come un asinello di Buridano, al bivio fra comunitarismo e socialismo.