Il dolore e il riscatto. L’Emilia dieci anni dopo il sisma

Il 20 e 29 maggio del 2012 due scosse di terremoto in provincia di Modena falcidiarono la vita di 28 persone, con 350 feriti e 45mila sfollati. Con Daniele Dieci, segretario della Cgil di Modena, facciamo il punto sulla ricostruzione.

“Un brutto ricordo: ero in casa, appena terminato un turno di lavoro. La casa ondeggiava. Ho solo potuto rimanere fermo sino alla fine della scossa”, dice Enrico. “Un trauma che porto ancora oggi, a volte la notte mi sveglio convinta di aver sentito una scossa, accendo la luce e controllo sempre i lampadari”, racconta Denis. “Io ero in centro a Concordia e non dimenticherò mai la gente che spuntava dalla polvere”, rivela Morena.
Queste sono alcune delle testimonianze raccolte nel 2020 da Radio 5.9, emittente radiofonica nata dopo il terremoto che sconvolse l’Emilia Romagna. E racchiudono in pochi caratteri – dopo 10 anni dagli eventi tragici che falcidiarono la vita di 28 persone, con 350 feriti e circa 45mila sfollati – il dramma che paralizzò l’Italia: alle 4:03 del 20 maggio 2012, una scossa di magnitudo 5.9 con epicentro alle porte di Finale Emilia, comune in provincia di Modena, fece tremare la terra. Nelle ore successive, altre onde sismiche si abbatterono, squarciando gli edifici, raschiando le strade e accartocciando i centri storici arroccati della zona. La mattina del 29 maggio, alle 9, una scarica tellurica da 5.8 esplose nelle viscere dell’Emilia, a 10 km di profondità, e devastò ancora, risalendo la china e incuneandosi tra i comuni di Medolla e Cavezzo. La “Bassa” – il quadrilatero tra Bologna, Modena, Reggio Emilia e Ferrara – è stato il fulcro degli smottamenti della crosta terrestre. Mirandola, Novi di Modena, Poggio Renatico, Crevalcore e Pieve di Cento. Sono stati danneggiati sessanta comuni sulla bocca frastagliata del cratere. La stima dei danni quantificava 12 miliardi di euro per risanare la voragine.

Una decade, all’insegna della ricostruzione e del dolore. Il giorno dell’anniversario, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sarà al teatro Facchini per la cerimonia ufficiale di commemorazione. Come riporta l’Ansa, le istituzioni convergeranno poi all’inaugurazione della “Stazione Rulli Frulli”, sede del gruppo musicale emiliano simbolo di resilienza e inclusione sociale, “ricavata dalla riqualificazione della locale ex autostazione danneggiata dal terremoto”. Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna, ha affermato che il 95 per cento degli edifici è stato “ripristinato”. Con picchi di successo per quanto riguarda il versante privato e rallentamenti, invece, sul fronte pubblico, dovuti a procedure burocratiche più stringenti e a vincoli ambientali e amministrativi da perseguire. Sono state allestite tre piattaforme, tre modelli digitali per richiedere i contributi a…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.