Dalla SARS al Covid: cosa è cambiato in vent’anni

Ogni epidemia è una storia a sé. Ma a distanza di due decenni, nella micro-pandemia da SARS e nella SARS-CoV-2 che ha originato il Covid scorgiamo tratti comuni. L’origine geografica del primo focolaio, come abbiamo visto, seppure resti il mistero sulle origini. La vocazione pandemica dei due coronavirus sconosciuti, nel panorama di un mondo freneticamente globalizzato. L’allarme, in scienza e coscienza, di medici che hanno pagato con la vita la prima esposizione al virus.
Hong Kong, ospedale durante il Covid-19

Venti anni fa, nel febbraio 2003, una forma virale del tutto sconosciuta viene identificata per la prima volta in Asia, denominata Sindrome respiratoria acuta grave (SARS). Il patogeno, mai visto prima nell’uomo, è intercettato in un paziente arrivato a Hong Kong dalla Cina per lavoro. Si scoprirà ben presto che corrisponde a un’infezione già avvistata nella provincia del Guandong nel novembre 2002 – una persona risulta deceduta a causa di una “patologia respiratoria acuta” dopo il 1° novembre 2002, ma senza il supporto di un’autopsia.

Carlo Urbani
Con inedita facilità di trasmissione, e senza conoscerne le cause, la malattia si diffonde nella Cina continentale, nel sostanziale silenzio di Pechino. L’azione del contagio viaggia con la velocità aerea di dieci pazienti che trasportano l’infezione in due ospedali di Hong Kong, a Singapore, Toronto e Hanoi. L’agente eziologico che causa la malattia viene scoperto a marzo 2003, soprattutto grazie al sacrificio di un funzionario dell’Oms, l’infettivologo italiano Carlo Urbani: fra i primi si è imbattuto negli effetti repentini di SARS in Vietnam e ha lanciato l’allarme, per poi morirne a marzo in un ospedale di Bangkok. Sì, perché non esistono diagnostici, cure o vaccini per contrastare il nuovo coronavirus, SARS-CoV.  Nonostante le severe linee guida emanate prontamente da molti paesi, a 11 settimane dall’identificazione del primo caso il virus è già presente in altri 27 paesi in America del Nord e del Sud, in Europa e – naturalmente – nelle regioni dell’Asia da cui ha preso avvio. La parabola della malattia dura circa sei mesi: raggiunge il suo picco alla fine di maggio e l’ultimo caso viene registrato il 13 luglio 2003. Si conteranno alla fine 8096 casi – più della metà (66%) in Cina e 774 decessi. Nel 21% di tutti i casi globali sarà il personale sanitario ad aver pagato il prezzo più alto.

Il dottor Zhong e Lin Wenliang

Il 30 gennaio 2020, il Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) dichiara il focolaio epidemico da nuovo coronavirus SARS-CoV-2 una emergenza sanitaria di rilevanza internazionale: il più alto livello di allarme. Incredibilmente, l’allerta non riceve grande attenzione dalla comunità internazionale, pur incuriosita da quanto sta accadendo in Cina, e dal vigore delle misure sanitarie adottate da Pechino. Il primo segnale all’Oms era giunto dalle autorità cinesi il 3 gennaio: una “polmonite virale di causa sconosciuta” registrata nella città di Wuhan, nella provincia dello Hubei. Il virus viene sequenziato da un centro di ricerca cinese che lo rende immediatamente accessibile alla comunità scientifica globale l’11 gennaio, in barba alle rigide gerarchie nazionali. E’ lo stesso giorno in cui le autorità notificano il primo decesso per quello che sarà presto conosciuto come Covid-19. Il 13 gennaio si registra il primo caso di con…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.