La gioia disarmante. La Federazione Anarchica Informale e il fascismo discreto dell’antiborghesia 

Ne "Il marchio della Vita" la Federazione Anarchica Informale rivendica l'atto di Cospito come una via immaginifica alla distruzione dell'esistente ordine sociale ed è un'espressione della gioia armata come fine a se stessa. Questa visione è distante dalla maggioranza dell'anarchismo e si avvicina a concezioni nichiliste, aristocratiche e fasciste.

Veri pirati noi siam,

contro il sistema lottiam,

ci esercitiamo a scuola

a far la faccia dura

per fare più paura.

Da una canzonetta del secolo scorso

“Pur non amando la retorica violentista – tiene a premettere l’autore della rivendicazione – con una certa gradevolezza abbiamo armato le nostre mani, con piacere abbiamo riempito il caricatore”. Non solo tale gradevolezza nel compiere il gesto, ma le stesse modalità di questo indirizzano chiaramente al documento che ha ispirato tanto la gambizzazione compiuta da Alfredo Cospito quanto il documento che ne rivendica la paternità alla Federazione Anarchica Informale.  Nel 1977 venne infatti pubblicato un noto pamphlet dalla punteggiatura più anarchica del contenuto, intitolato La gioia armata[1]. Il testo iniziava commentando un’altra gambizzazione, quella del giornalista Indro Montanelli, in questi termini:

Ma perché questi benedetti ragazzi sparano alle gambe di Montanelli? Non sarebbe stato meglio sparargli in bocca? Certo che sarebbe stato meglio. Ma sarebbe stato anche più pesante. Più vendicativo e più cupo. Azzoppare una bestia come quella può anche avere un lato più profondo e significativo, oltre quello della vendetta, della punizione per le responsabilità di Montanelli, fascista e servo dei padroni. Azzopparlo significa costringerlo a claudicare, farglielo ricordare. E poi, è un divertimento più gradevole di sparargli in bocca, col cervello che gli schizza fuori dagli occhi.

Anche nel documento in cui si rivendica l’atto di Cospito e dal titolo Il marchio della Vita. Cercando una via immaginifica alla distruzione dell’esistente, l’uomo raggiunto dai colpi, Roberto Adinolfi, è stato “azzoppato”. La diretta filiazione del documento da quel testo è evidente anche nel vocabolario.

L’autore di quel pamphlet ispiratore era Alfredo Maria Bonanno, un erudito ex cassiere di banca catanese, fondatore della Organizzazione Rivoluzionaria Anarchica Insurrezionalista (ORAI), rapinatore, saggista, editore e libraio. Questi è probabilmente il maggior esponente della frangia insurrezionalista dell’anarchismo, quella che in Italia si prende gioco della imbelle, ma maggioritaria, Federazione Anarchica Italiana (FAI) utilizzando il medesimo acronimo e aggiungendo al nome della “ditta” la dizione “fuoco e affini”. È allora il caso di conoscere meglio il verbo di questo…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.