La gioia disarmante. La Federazione Anarchica Informale e il fascismo discreto dell’antiborghesia 

Ne "Il marchio della Vita" la Federazione Anarchica Informale rivendica l'atto di Cospito come una via immaginifica alla distruzione dell'esistente ordine sociale ed è un'espressione della gioia armata come fine a se stessa. Questa visione è distante dalla maggioranza dell'anarchismo e si avvicina a concezioni nichiliste, aristocratiche e fasciste.

Veri pirati noi siam,

contro il sistema lottiam,

ci esercitiamo a scuola

a far la faccia dura

per fare più paura.

Da una canzonetta del secolo scorso

“Pur non amando la retorica violentista – tiene a premettere l’autore della rivendicazione – con una certa gradevolezza abbiamo armato le nostre mani, con piacere abbiamo riempito il caricatore”. Non solo tale gradevolezza nel compiere il gesto, ma le stesse modalità di questo indirizzano chiaramente al documento che ha ispirato tanto la gambizzazione compiuta da Alfredo Cospito quanto il documento che ne rivendica la paternità alla Federazione Anarchica Informale.  Nel 1977 venne infatti pubblicato un noto pamphlet dalla punteggiatura più anarchica del contenuto, intitolato La gioia armata[1]. Il testo iniziava commentando un’altra gambizzazione, quella del giornalista Indro Montanelli, in questi termini:

Ma perché questi benedetti ragazzi sparano alle gambe di Montanelli? Non sarebbe stato meglio sparargli in bocca? Certo che sarebbe stato meglio. Ma sarebbe stato anche più pesante. Più vendicativo e più cupo. Azzoppare una bestia come quella può anche avere un lato più profondo e significativo, oltre quello della vendetta, della punizione per le responsabilità di Montanelli, fascista e servo dei padroni. Azzopparlo significa costringerlo a claudicare, farglielo ricordare. E poi, è un divertimento più gradevole di sparargli in bocca, col cervello che gli schizza fuori dagli occhi.

Anche nel documento in cui si rivendica l’atto di Cospito e dal titolo Il marchio della Vita. Cercando una via immaginifica alla distruzione dell’esistente, l’uomo raggiunto dai colpi, Roberto Adinolfi, è stato “azzoppato”. La diretta filiazione del documento da quel testo è evidente anche nel vocabolario.

L’autore di quel pamphlet ispiratore era Alfredo Maria Bonanno, un erudito ex cassiere di banca catanese, fondatore della Organizzazione Rivoluzionaria Anarchica Insurrezionalista (ORAI), rapinatore, saggista, editore e libraio. Questi è probabilmente il maggior esponente della frangia insurrezionalista dell’anarchismo, quella che in Italia si prende gioco della imbelle, ma maggioritaria, Federazione Anarchica Italiana (FAI) utilizzando il medesimo acronimo e aggiungendo al nome della “ditta” la dizione “fuoco e affini”. È allora il caso di conoscere meglio il verbo di questo…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.