Rosa Luxemburg fra rivoluzione e guerra

Pubblichiamo la seconda parte di un lungo saggio sul pensiero e il ruolo della rivoluzionaria polacca, figura unica nel movimento rivoluzionario internazionale del ‘900; il suo lascito ancora oggi rimane largamente al di qua del valore, teorico, politico e umano della persona. Qui l’autore esamina la sua posizione contro la guerra e la critica radicale che Rosa Luxemburg ebbe il coraggio di rivolgere a Lenin, riguardo allo svolgimento della rivoluzione russa e particolarmente allo strame della democrazia che ne stavano facendo i bolscevichi.

Il voto sui crediti e la rivoluzione tedesca
(Segue dalla prima parte) Con lo scoppio della guerra, Rosa Luxemburg fece di nuovo i conti con la propria solitudine nel suo stesso partito. Per molti anni negli ambienti socialisti tedeschi, la data del 4 agosto 1914 ha evocato una vicenda molto precisa: non la dichiarazione di guerra della Germania alle forze dell’Intesa, ma il voto favorevole della sinistra socialdemocratica all’interno del Reichstag sui crediti di guerra. Per motivare quel voto qualcuno disse che non si poteva fare diversamente, che quando il nemico ha messo un piede nel tuo territorio, ti riesce difficile fare il pacifista ad oltranza. Il problema è che le cose non stavano esattamente così. La Germania che aveva da poco dato vita alle sue istituzioni democratiche era consapevole di doversi battere contro una Russia ancora zarista, ma dall’altra parte c’erano nazioni come la Francia e l’Inghilterra che la democrazia avevano sperimentato già da un po’. E, d’altronde, a mostrare i muscoli era stato l’impero austro-ungarico; la Germania, del cui governo non erano partecipi i socialdemocratici, si era accodata. Non si trattava dunque di una situazione lontanamente paragonabile a quella che si verifica oggi in Ucraina, dove si può parlare di guerra patriottica: partigiani contro impavidi e folli aggressori.

Ancora il 29 luglio 1914 l’Ufficio dell’Internazionale socialista riunito a Bruxelles invitava “i proletari di tutte le nazioni interessate non solo a proseguire, ma anche ad intensificare le dimostrazioni contro la guerra”. Ma dopo appena una settimana la situazione era drammatica.

“Da un lato c’era il timore di isolarsi dalle masse; la vecchia paura di Bebel di fronte alla prospettiva di una onnipotente dittatura militare (…); a ciò si aggiungeva la comprensione del fatto che, in caso di guerra, il partito sarebbe stato del tutto impotente. (…) Dall’altro lato c’era la lunga tradizione di isolamento, che dal tempo della vittoria sui revisionisti era la forma di vita riconosciuta del partito. Nella sua situazione di bisogno la società allungò una mano, e la socialdemocrazia l’afferrò”[1]. Per lo storico PeterJ. Nettl “l’approvazione dei crediti di guerra era la conclusione di un lungo processo, non il suo inizio; una conseguenza logica di atti precedenti, non uno smarrimento momentaneo. Ma ai contemporanei la realtà appariva diversa”[2]. Molti, a cominciare da Lenin, si attendevano ben altri appelli alla mobilitazione, ma questi appelli non arrivarono. Luxemburg, in una lettera a Konstantin Zetkin ver…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.