Camille Paglia: una femminista contro il femminismo

È in libreria per LUISS University Press una nuova traduzione di "Sexual Personae", il libro culto della filosofa, storica dell’arte e femminista Camille Paglia, personalità spesso contestata anche per le e critiche senza sconti che ha mosso al movimento delle donne, nel quale tuttavia ha sempre continuato a riconoscersi.

“Voglio salvare il femminismo dalle femministe”. Camille Paglia non poteva essere più schietta e più fedele al suo stile quando nel 1991 rese questa dichiarazione, in una brillante lecture al MIT di Boston sulla crisi delle Università americane. Polemizzare con le femministe del suo tempo, in buona fede intellettuale ma con provocatorietà e, all’occorrenza, anche con una certa cattiveria dialettica, è da decenni una missione che porta avanti caparbiamente, attraverso articoli, saggi e interventi. Dalla sua miglior nemica Gloria Steinem, definita una “carrierista delle reti sociali”, passando per la critica caustica al filosofeggiare del femminismo della differenza di Hélene Cixous e Luce Irigaray – colpevoli a suo dire di essersi affidate a Lacan senza aver mai davvero fatto i conti con il pensiero di Freud – fino al moralismo “totalitario” e “stalinista” delle femministe radicali come Catharine MacKinnon e Andrea Dworkin, Paglia non ha risparmiato nessuna figura del pantheon femminista dallo scontrarsi con la sua dialettica. Ha lanciato fendenti anche contro le ricerche archeologiche di Marija Gimbutas – “la Pollyanna del nonsense”. Né è stata risparmiata: contro di lei nell’arco di almeno 50 anni sono state mosse non solo critiche aspre ma anche numerosi tentativi di ostracizzazione dal mondo accademico ed editoriale, e di estromissione dal dibattito femminista.

Di tutte le donne con cui si è scontrata, forse è la femminista radicale Kate Millett la personalità alla quale Paglia muove le accuse più forti. Quando uscì il saggio Sexual Politics (1970), la accusò aspramente di aver reso il sesso, oltre che il femminismo, un campo di battaglia delle donne contro gli uomini, attraverso concetti come quello di “società patriarcale” che, per la studiosa italoamericana, colpevolizzano il genere maschile nel suo assieme e condannano, di per ciò stesso, anche le donne all’impossibilità della libertà; giacché “se le donne desiderano essere libere, devono lasciare che anche gli uomini siano liberi” ovvero devono lasciare che gli uomini e le donne liberi possano, attraverso il sesso, l’arte e la bellezza, esplorare i rapporti con le grandi forze della Natura. Quelle forze che attraversano le paure umane e che hanno portato alla nascita della società, e particolarmente della società occidentale, proprio allo scopo di gestire questo terrore della “notte arcaica”; la paura dell’uomo – il maschio – di essere risucchiato e annientato nella grande potenza procreatrice della donna.

Questo è il cuore di Sexual Personae, il capolavoro analitico che, come Paglia stessa ha più volte sottolineato, molte femministe hanno deciso di criticare nel tempo senza fare lo sforzo di leggerlo. La visione del dualismo sessuale che si trova esaminata nell’opera monumentale di Paglia è perturbante perché comincia dall’affermazione che la società umana emerge nella e dalla paura – sarebbe sicuramente d’accordo la studiosa Barbara Ehrenreich – e che la paura primordiale dell’uomo/maschio è quella della natura ctonia: dell’insondabile e invisibile principio oscuro della vita, l’umore liquido associato al corpo femminile, alla generazione dal ventre.

Il cuore del femminismo dissidente di Paglia si esprime nel suo immedesimarsi, in questo intreccio atavi…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.