Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Garante privacy, il Presidente: “IA non va respinta ma messa al servizio di dignità e libertà”

In Italia il Garante della privacy ha per primo temporaneamente sospeso ChatGPT, provvedimento che ha aperto il dibattito nell’ambito dell’UE, il cui Parlamento ha approvato in questi giorni la normativa sull'IA. Siamo partiti da qui per parlare con il Presidente Pasquale Stanzione dell’impatto dell’Intelligenza Artificiale e delle chatbot sulla nostra privacy e sulle nostre vite in generale. Al di là dei singoli aspetti giurisprudenziali, il sistema di regolamentazione deve essere guidato da questo principio: non respingere le nuove tecnologie ma regolamentarle per metterle al servizio di dignità, libertà e diritti.
Privacy

Presidente Stanzione, in Italia il Garante della privacy ha per un periodo sospeso ChatGPT. Può ripercorrere per noi questa vicenda anche alla luce delle motivazioni che hanno portato a disporre questo blocco?

Il Garante ha riscontrato diverse carenze nel trattamento dei dati personali connesso al funzionamento di ChatGPT: l’assenza di filtri per la verifica dell’età, nonostante il servizio fosse riservato agli ultra-tredicenni; la carenza di informative adeguate sul trattamento dei dati realizzato; la mancanza di un presupposto di liceità adeguato per l’utilizzo di dati degli utenti funzionale all’addestramento dell’algoritmo. A fronte della pluralità delle carenze riscontrate, il Garante ha assunto un provvedimento di limitazione del trattamento, di natura essenzialmente cautelare, per impedire che le violazioni interessassero un numero crescente di utenti. Gli effetti positivi di questo provvedimento sono stati diversi, sotto il profilo del merito ma anche del metodo. Per un verso, infatti, l’adempimento delle prescrizioni del Garante ha consentito di migliorare le condizioni di tutela offerte agli utenti di questa chatbot, utilizzata ormai su larga scala.

 Per altro verso, è particolarmente importante il dialogo instaurato con Open AI, in quanto dimostra, su un piano più generale, come il confronto con le autorità di protezione dati possa rappresentare una strada preziosa per un governo sostenibile delle nuove tecnologie.

La scelta italiana ha aperto il dibattito sul tema nell’ambito dell’Unione Europea, tanto che in seguito è stata istituita una task force per regolamentare ChatGPT a livello comunitario. A che punto siamo di questo iter? E in che modo Lei auspica si concluda questo processo?

L’attenzione posta dal Garante sulle carenze di questa chatbot ha stimolato anche il Comitato europeo per la protezione dei dati (che riunisce i rappresentanti delle varie autorità di protezione dati degli Stati membri) a trattare il tema ad ampio raggio e su scala appunto europea, con una task force costituita ad hoc. È l’inizio di un percorso che potrà dare risultati importanti, nella direzione di…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.